Il primo hack per Nexus Q che lo trasforma quasi in console

di

Durante la presentazione del Nexus è stata la stessa Google ad annunciare la presenza, nel dispositivo, di un connettore microUSB per consentire l’esecuzione di codice compilato da terze parti, consentento hack e sviluppi alternativi. I developer non si sono fatti sfuggire l’occasione, ed ecco arrivare il primo hack: Christina Kelly, sviluppatrice Android, ha illustrato il primo tentativo di modding attraverso un gioco eseguito sfruttando l’hardware a disposizione. Kelly è riuscita a far girare il codice Android grazie alla presenza di un’architettura molto simile a quella del Galaxy Nexus: si tratta del gioco Sword e Soldiers, che purtroppo non è stato possibile avviare oltre la schermata iniziale a causa dell’assenza di controlli touch.

La sviluppatrice fa notare che, al contrario della Google TV, dove il codice viene completamente ripreso da una distribuzione Android, nel caso del Nexus Q ci si trova di fronte alla difficoltà di dover effettuare dei porting delle applicazioni per poterle rendere compatibili.