Il Time inserisce Steve Jobs nella classifica dei 20 americani più influenti di tutti i tempi

di

Il co-fondatore di Apple Steve Jobs farà parte della speciale classifica dedicata ai 20 americani più influenti di tutti i tempi. L'importante riconoscimento arriva dal Time, che ha selezionato 20 "pionieri, visionari e ambasciatori culturali che hanno definito una nazione".

La sua carriera iniziò nel modo in cui tutte le migliori storie della Silicon Valley hanno avuto inizio: in un garage giocherellando con il proprio computer e un paio di amici. Mentre la IBM e altre grandi aziende stavano creando macchine enormi, Jobs e il suo partner-genio, Steve Wozniak, esperto di software, realizzavano il primo piccolo personal computer, l'Apple II. Successivamente, grazie ad una visita in un laboratorio di ricerca locale della Xerox, Jobs ebbe un assaggio del futuro: un computer con un'interfaccia grafica azionata da un mouse. Ispirato, guidò il team di Apple nella creazione del computer Macintosh, un enorme passo avanti per quanto riguarda il design digitale. 


Altre personalità inserite nella prestigiosa classifica sono: Albert Einstein, Abramo Lincoln, Alexander G. Bell e i fratelli Wright. Sembra giusto che Alexander G. Bell sia incluso nella lista accanto a Steve Jobs. Bell infatti, ha rivestito un ruolo importante nel settore della telefonia, all'epoca in una fase embrionale (1876), e noi tutti sappiamo quanto l'ex CEO Apple abbia stravolto e migliorato il mondo dei cellulari a partire dal 2007. Il riconoscimento è sicuramente meritato.

FONTE: iMore
Quanto è interessante?
0