In America i carcerati utilizzano i droni per contrabbandare droga in prigione

di
É incredibile come molte cose che fino a poco tempo fa avremmo bollato come fantascientifiche o da "filmaccio (si fa per dire) alla 007" stiano diventando all'ordine del giorno con il progresso tecnologico. Negli USA sempre più carcerati stanno usando dei droni per contrabbandare droga e pornografia dentro le strutture, lo riporta un report del Governo.

Nel report del Dipartimento di Giustizia americano, come riportano USA Today e The Verge, si evidenzia come telefonini, droga e materiale pornografico siano stati facilmente introdotti dentro le strutture di detenzione federali almeno una dozzina di volte negli ultimi cinque anni, grazie all'uso di semplici droni per uso domestico. Il report specifica che è impossibile fare una stima corretta dei casi in cui l'operazione è andata con successo e che non tiene conto dei casi che riguardino le prigioni dei singoli Stati

Per capire quanto il fenomeno dell'impiego dei droni per attività criminali possa essere diffuso ci vengono in aiuto, tuttavia, i media locali, inclusi quelli non americani. Nel 2014, ad esempio, la polizia australiana ha riportato alla stampa un caso in cui un drone è stato utilizzato per un'operazione di contrabbando di droga. Nel South Carolina invece, nel 2015, fu rinvenuto un drone schiantatosi a terra nel corso di una consegna di marijuana.

Ma non finisce qua, nel 2015, abbiamo un altro caso di un drone usato per consegnare pacchi di droga in Ohio. Lo stesso anno, sempre per colpa di un incidente, due spacciatori sono stati arrestate per lo stesso motivo.

Le forze dell'ordine di mezzo mondo sono letteralmente in delirio e stanno cercando di capire come affrontare questo fenomeno. Lo scorso Aprile nel Regno Unito è stata annunciata la costituzione di una task force ad hoc dedicata alla lotta contro il crimine armato degli ormai temutissimi esocotteri. Nel frattempo il Dipartimento americano che si occupa del sistema di detenzione federale ha fatto richiesta di tecnologie che possano impedire ai droni di volare sopra le strutte carcerarie.