Canada: internet a 50 mbit garantito per tutti, il paese punta tutto sulla rete

di
Mentre in altre parti del mondo internet ad alta velocità ancora non è accessibile per tutti, in Canada il governo ha riconosciuto l’ormai evidente importanza che riveste questo servizio, che secondo l’esecutivo può a tutti gli effetti essere etichettato come “un servizio di base per le telecomunicazioni”, in quanto accessibile per tutti.

In precedenza, solo i servizi di telefonia fissa avevano ricevuto questa etichetta dal regolatore del paese, CRTC. Questa novità comporterà un investimento da 750 milioni di Dollari da parte del governo per cablare le zone rurali della nazione.
Il futuro della nostra economia, prosperità e società ci impone di fissare degli obiettivi ambiziosi, e di collegare tutti i canadesi ad internet, dato che siamo nel 21esimo secolo” ha affermato il presidente del CRTC Jean-Pierre Blais, nel corso di una conferenza stampa. “Questi obiettivi sono si ambiziosi, ma hanno bisogno di una quantità ingente di investimenti in denaro. Non abbiamo scelta, però” ha concluso.
La CRTC, nell’ambito di questa strategia, ha anche stabilito i nuovi obiettivi per le velocità di download ed upload. Per i servizi di banda larga fissi, tutti i cittadini devono avere la possibilità di scaricare dati ad almeno 50 megabit al secondo e di raggiungere una velocità di upload di 10 megabit, che rappresentano velocità dieci volte superiori a quelle attuali e stabilite nel 2011. Gli obiettivi per la copertura del mobile sono meno ambiziosi e prevedono semplice “l’accesso alla più recente tecnologia wireless mobile” nelle città principali.
La CRTC stima che circa due milioni di famiglie, pari al 18% della popolazione, ad oggi non hanno accesso alle velocità desiderate. Il fondo governativo da 750 milioni di Dollari aiuterà le compagnie a pagare le infrastrutture, ma sarà distribuito su un piano di cinque anni. L’obiettivo è portare la banda larga al 90% dei canadesi entro il 2021.