In due mesi Apple ha bruciato 150 miliardi di dollari

di

Nonostante gli ottimi risultati che stanno facendo registrare i prodotti lanciati da poco sul mercato, Apple non se la passa bene in borsa. Negli ultimi due mesi le azioni del colosso di Cupertino hanno ridotto il loro valore del 22% bruciando 150 miliardi di dollari. Numeri allarmanti per Tim Cook e soci che però possono consolarsi col fatto che da gennaio ad oggi le azioni hanno guadagnato il 35%. Il primo campanello d'allarme lo avevano già suonato i dirigenti lo scorso mese, quando annunciarono che nel trimestre in corso, ovvero da settembre a dicembre, i margini di profitto saranno meno importanti rispetto a quelli del 2011. Il che deve far riflettere visto che nel periodo in questione ci entrano anche le feste di Natale dove, in teoria, le vendite dovrebbero aumentare.