Inizia il countdown per la chiusura di Windows Live Messenger

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Ormai siamo in dirittura d’arrivo: lo storico servizio di instant messaging che ha fatto la storia del settore, e a consentito agli utenti di tutto il mondo di comunicare attraverso internet in tempo reale, sta per chiudere definitivamente i battenti: tra circa una settimana, Microsoft avvierà le procedure di migrazione forzata per portare gli utenti da Windows Live Messenger a Skype. Dall’8 aprile, non sarà più possibile effettuare l’accesso al vecchio client di messaggistica per gli utenti di lingua inglese, mentre non sono ancora note le tempistiche esatte per i singoli paesi, anche se si sa che il processo verrà ultimato entro la fine del mese. Un portavoce di Skype ha fornito alcune risposte alle domande sulla proceduta che consente di collegare l’account Microsoft a quello del client VoIP, nonché sulle funzionalità di assistenza remota.

Da qualche settimana, effettuando l'accesso su Windows Live Messenger, all'utente viene mostrata una notifica che lo informa della disponibilità del nuovo software, ma in realtà, cliccando sul link che viene mostrato nella parte inferiore della finestra, viene aperto il sito dal quale è possibile scaricare l'ultima versione di Skype. La fusione dei contatti è ora consentita anche ai minorenni, infatti, i bambini che utilizzano il software che Microsoft sta per pensionare, possono effettuare il login su Skype utilizzando il proprio Microsoft, con il consenso dei genitori; un portavoce Skype, nonostante abbia chiarito la possibilità di utilizzare il client VoIP per la condivisione dello schermo e l'assistenza tramite testo è voce, fa sapere come la funzionalità sia sensibilmente diversa da quella offerta da Messenger.