iRadio: Apple sta ancora negoziando con Sony e Warner

di

Il tanto vociferato servizio di streaming musicale di Cupertino, soprannominato iRadio si trova in una fase di stallo, ed Apple sarebbe ancora in trattative con Sony Music e Warner per arrivare al tanto sospirato accordo. A riferire la notizia è il Financial Times, il quale sottolinea come per il raggiungimento di un accordo tra le parti siano di fondamentale importanza le Royalties che Apple dovrà pagare ai colossi discografici; inizialmente la società della mela morsicata aveva offerto 6 cent per 100 brani in streaming, cifra ritoccata in seguito fino al raggiungimento di una soglia pari a 12,5 cent, tasso molto simile a quello pagato da Pandora.

Nonostante Apple abbia già raggiunto un accordo con Universal Music, le altre etichette discografiche sembra siano ancora alla ricerca di condizioni migliori da quelle attualmente proposte da Tim Cook, così da raggiungere un accordo che consenta il rilascio della piattaforma in un arco temporale breve(si parla, come termine massimo, dell'estate 2013). Alcune fonti anonime, che sarebbero vicine alle trattative in corso, dichiarano che Apple sia intenzionata ad offrire tre tranche di entrate così suddivise: royalties per le tracce in streaming, una quota derivata dai ricavi pubblicitari di iRadio, e una somma minima garantita per definire in corso il contratto, in grado di garantire una certa sicurezza nel caso gli ascolti dovessero risultare inferiori alle aspettative. Secondo il Financial Times, non ci sarebbe intenzione, da parte di Apple, di lanciare un servizio on-demand simile a Spotify, per evitare di cannibalizzare iTunes e Music Store. iRadio consentirà l'ascolto di nuova musica, ma le modalità di funzionamento della piattaforma, ad oggi, non sono chiare.