Jawbone cita di nuovo in giudizio Fitbit

di

Dopo la prima denuncia presentata qualche settimana fa, Jawbone torna di nuovo all'attacco e cita ancora in giudizio Fitbit, questa volta però per la violazione di un brevetto.

Secondo il Wall Street Journal, la denuncia sarebbe stata presentata presso l'US District Court di San Francisco, allo scopo di bloccare le vendite degli smartband targati FitBit negli Stati Uniti, dal momento che i legali sostengono che questa ha violato un brevetto riguardante la raccolta e l'utilizzo dei dati degli utenti. La denuncia, secondo quanto trapelato, sarà presentata anche all'International Trade Commission, che potrebbe potenzialmente bloccare le vendite di Fitbit negli Stati Uniti.
Qualche settimana fa vi abbiamo raccontato dell'importante offensiva legale avanzata da Jawbone contro Fitbit e cinque ex dipendenti che hanno abbandonato la società ed avrebbero portato con loro alcuni documenti segreti contenenti i futuri progetti della compagnia. Il tempismo secondo molti non sarebbe per niente casuale, dal momento che Fitbit è prossima al debutto a Wall Street con un'IPO. In questo caso, immediata è arrivata la risposta di Fitbit, che ha fermamente smentito l'accusa.