Jawbone cita Fitbit ed alcuni ex dipendenti per aver svelato alcuni segreti

di

Potrebbe presto scatenarsi una vera e propria guerra tra produttori di smartband. Jawbone, infatti, ha citato il rivale Fitbit per aver sistematicamente messo sotto contratto i propri dipendenti i quali, una volta sotto contratto con il rivale, avrebbero svelato alcuni segreti commerciali e proprietà intellettuali.

La denuncia completa è stata presentata presso la Corte Superiore di San Francisco, e nel testo i legali affermano esplicitamente che Fitbit, in vista dell'IPO a Wall Street, avrebbe messo volutamente sotto contratto i dipendenti Jawbone per mantenere la propria posizione nel mercato.
Solo nell'anno appena cominciato, si legge, Fitbit avrebbe contattato il 30% della forza lavoro di Jawbone allo scopo di convincerla a trasferirsi. I cinque dipendenti che hanno accettato non solo avrebbero dato poco preavviso, ma avrebbero anche rubato dei file segreti contenenti dei segreti commerciali ed industriali riguardanti il futuro di Jawbone. Questo furto di dati sarebbe avvenuto prima dell'ufficializzazione del loro abbandono, il che ha permesso loro di avere tutto il tempo per effettuare le copie su una penna USB. Jawbone, sostanzialmente, afferma che Fitbit ora ha tra le mani grossa parte dei progetti segreti ancora non svelati.
Gli avvocati affermano che Jawbone ha subito un danno monetario e competitivo irreparabile, ed ha chiesto un risarcimento danni non solo a Fitbit ma anche ai cinque ex dipendenti.