Jony Ive parla allo USA Today della filosofia Apple

di

In queste due ore il lead designer di Apple, Jony Ive, sta rilasciando molte interviste in vista del lancio dei nuovi iPhone 5s e 5c. Il Vice Senior Vice President of Software Engineering del colosso di Cupertino, nel corso di una chiacchierata con lo USA Today si è voluto soffermare sulla fotocamera del nuovo top di gamma, criticata da molti per il numero di megapixel :"è troppo facile parlare delle caratteristiche di un prodotto misurandole con un numero o giudicando il prezzo e le dimensioni dello schermo. Ma il processo di creazione è più difficile, e per fare prodotti migliori bisogna anche misurare il loro valore empirico. Questo è terribilmente importante per ciò che facciamo. Abbiamo a cuore come progettare l'interno di una cosa, anche se non la si vedrà mai, ma crediamo sia la cosa migliore da fare" ha detto riguardo la lente da 8 megapixel montata sul 5s.

Il dirigente ha anche affrontato il tema degli iMac: "nell'industria dei computer vi è l'ossessione degli attributi. Quanto è veloce? Quanto è grande il disco rigido? Quanto è veloce il CD? Si tratta di un settore molto competitivo, perchè si può dire che otto è meglio di sei. Ma proprio questa freddezza inumana e l'ossessione nei confronti di dati assoluti ha spinto la gente ad ignorare gli attributi dei prodotti che sono difficili da misurare o di cui non si può parlare. In questo senso, l'industria ha perso molto. E' per questo che ho comprato un computer Apple. E' per questo che sono venuto a lavorare per Apple. Perchè ho sempre sentito che Apple ha sempre cercato di fare di più che il minimo indispensabile. Non solo il necessario. Ho avuto la sensazione che la cura riguardava anche i dettagli e le cose che le persone non vedranno mai".