L'hacker di San Francisco minaccia di rilasciare dati su utenti e dipendenti

di
A qualche giorno di distanza dall’attacco hacker che ha mandato KO il sistema di pagamento della piattaforma ferroviaria di San Francisco, il responsabile ha minacciato di rilasciare i dati personali sui dipendenti ed udenti del MUNII qualora il riscatto non dovesse essere pagato.

Spero che la società risolva il problema in modo corretto. Ma se non lo fanno, pubblicheremo banche di dati e documenti che includono contratti, risorse umane e dati personali dei clienti” ha scritto uno degli hacker a The Verge.
Secondo CSO, il malvivente avrebbe chiesto 100 bitcoin, l’equivalente di 73.000 Dollari. L’ente che gestisce i trasporti, ha confermato l’attacco ransomware, ed ha anche affermato che l’attacco non ha avuto alcun impatto sul servizio ferroviario o le informazioni personali degli utenti.
La questione “rimane sotto inchiesta da parte delle autorità”, che starebbero indagando per capire la matrice di questo gravissimo attacco, che a molti ha ricordato il videogioco Watch Dogs.
Ricordiamo che le persone sono state in grado di viaggiare gratuitamente per due giorni.