L'ISIS minaccia il fondatore di Twitter e dichiara guerra al social network

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Secondo quanto riportato dal famoso sito americano Buzzfeed, lo Stato Islamico avrebbe di fatto dichiarato guerra a Twitter ed al fondatore del social network, Jack Dorsey. Il tutto a causa di alcune misure adottate dai gestori del servizio, che hanno chiuso diversi account legati all'ISIS, un'azione che “scatenerà una guerra reale contro di voi, vista la battaglia virtuale che state portando contro di noi”, si legge in una nota diffusa dagli jihadisti, che è addirittura accompagnata da un'immagine che ritrae Dorsey con sopra disegnato un mirino.

Una guerra definita “fallimentare” causata dalla chiusura di alcuni account. “Quando i nostri uomini coraggiosi verranno a togliervi il respiro, la vostra guerra diventerà inutile. A tutti gli jihadisti nel mondo rivolgiamo un appello: colpite Twitter ed i suoi interessi in ogni luogo, persona ed edificio, e non lasciate sopravvivere nessun ateo” si legge nel comunicato.
Twitter già da qualche settimana ha rivelato di essere al lavoro con le forze dell'ordine per identificare i gestori degli account dell'ISIS e verificare la reale attendibilità delle minacce.