La Cina lavora ad un proprio sistema operativo per contrastare i colossi della tecnologia

di

La Cina contro i colossi Microsoft, Google ed Apple. In base ad alcune dichiarazioni rilasciate da Ni Guangnan, responsabile di un gruppo di ricerca finanziato dallo stato cinese, all’agenzia di stampa Xinhua, il paese della Grande Muraglia vorrebbe sostituire i vari Windows, OS X e Chrome OS nonchè i sistemi operativi mobili con un proprio OS:”Speriamo di lanciare un sistema operativo desktop di fabbricazione cinese entro ottobre”. Obbiettivo primario di Ni Guangnan è quello di spingere le aziende produttrici di software cinesi a rivedere i propri prodotti e i modelli di business per costruire un ecosistema unito e applicazioni per lo sviluppo di un sistema operativo unico sotto la stessa bandiera.

Per quel che riguarda il sistema operativo desktop, secondo l’agenzia d’analisi Huatai Securities, il rimpiazzo dei sistemi operativi “stranieri” con uno “di casa” richiederebbe diverso tempo e comunque, durante la prima fase di rilascio, sarebbero solo gli enti governativi ad utilizzarlo. Per i dispositivi mobili la situazione è più complessa e potrebbero volerci almeno 5 anni per vedere i primi risultati. La Cina è da anni all’avanguardia nel settore tecnologico e le molteplici aziende che producono e vendono milioni di smartphone e tablet ogni anno, vedi Lenovo, Huawei o Xiaomi, per citarne alcune, non sembrano, già allo stato attuale, temere i nomi noti del settore.