Laura Boldrini scrive a Zuckerberg: "troppo odio sui social"

di
La Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha scritto una lettera all’amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, per portare all’attenzione del proprietario del social network più popolare al mondo uno dei problemi su cui lo stesso CEO è già al lavoro da tempo: il continuo proliferare dell’odio sul sito.

La Boldrini si dice “preoccupata per il dilagare dell’odio nel discorso pubblico. Fenomeno non generato certo dai social network ma che in essi ha un veicolo di diffusione potenzialmente universale. Questo deve essere per tutti il tempo della responsabilità: tanto e' maggiore tanto più grande è il potere di cui si dispone. E il suo è notevole”.
La Presidente della Camera ha anche citato il caso di Arianna Drago, la ragazza che ha denunciato l’esistenza di alcuni gruppi Facebook privati in cui i ragazzi pubblicano foto di ragazze e che vengono accompagnate da commenti che incitano in alcuni casi anche alla violenza sessuale. “Lei ha affermato che su Facebook non c'e' spazio per l'odio. Mi tocca dirle che in Italia non è vero” si legge nella lettera pubblicata da La Repubblica, in cui Boldrini afferma anche che “l'Italia conta scarsa collaborazione da parte della sua azienda anche sul fronte della disinformazione, al contrario di quanto avviene in Francia o in Germania”.
Da Menlo Park, intanto, ancora non è arrivata alcuna risposta.