LG vuole portare la ricarica induttiva nei propri smartphone

di

Tra le tante features, LG con il suo ultimo smartphone, il Nexus di Google ha portato la ricarica induttiva, tramite l’ausilio dell’apposita dock che prende il nome di Orb, che però non è ancora disponibile nei paesi dove invece lo smartphone è commercializzato. Dopo le dovute analisi, LG sembra aver apprezzato molto tale tecnologia, tanto che starebbe vagliando la possibilità, secondo le ultime indiscrezioni, di portare la ricarica induttiva su tutti i propri futuri device Android, anche su quelli appartenenti al segmento entry-level del mercato.

Tali voci sarebbero state rivelate da alcune analisi di   mercato della cui elaborazione si sarebbero occupate IHS iSuppli e Wireless Power Consortium; i dati emersi dalle ricerche confermerebbero la crescita nell'adozione della tecnologia e il conseguente volere, da parte di LG. Secondo il Wireless Power Consortium, la scarsa autonomia e la necessità di un caricabatteria potrebbero portare, nel prossimo futuro, a una sempre maggiore adizione della ricarica senza fili; tale previsione non è riferita unicamente a tablet e smartphone, ma anche ad elettrodomestici e qualsiasi altro oggetto che potrebbe essere dotato di tale tecnologia, cercando di rendere la ricarica indittiva sempre più reperibile e diffusa. L'abbandono definitivo dei classici caricabatteria sicuramente non è poi così imminente, ma se LG confermasse tali voci, si tratterebbe sicuramente di un deciso passo avanti che verrebbe quasi certamente apprezzato da tutti gli utenti che si lamentano sempre più spesso della sempre minore autonomia del proprio dispositivo.