Linkin Park: si impennano gli streaming dopo la morte di Bennington

di
Lo scorso fine settimana il mondo della musica è stato scosso dalla notizia riguardante il suicidio di Chester Bennington, storico frontman dei Linkin Park che si è impiccato nella sua abitazione. A seguito della diffusione della notizia, gli streaming delle tracce si sono letteralmente impennati.

A rivelarlo è Nielsen Music, una società specializzata nel monitoraggio delle vendite di album e canzoni, secondo cui le vendite generali degli album sono cresciute, il 20 Luglio, del 5,332%, arrivando a vendere 21.000 copie del nuovo album, mentre le canzoni hanno totalizzato 90.000 download, contro i 2.000 del giorno precedente.

L’album che ha totalizzato il numero maggiore di vendite è stato l’ultimo, One More Light, le cui critiche avevano fatto infuriare lo stesso Bennington. La canzone più scaricata invece è stata “In The End”, che con 11.000 download è stata quella che ha fatto registrare la crescita più alta.

Interessanti anche i dati relativi allo streaming.

Nielsen ha tenuto d’occhio gli ascolti sulle principali piattaforme, su cui gli streaming, sempre il 20 Luglio, sono aumentati del 730%, con le canzoni che sono state riprodotte addirittura 12,6 milioni di volte. In The End, in questo caso, ha totalizzato 923.000 riproduzioni, contro le 107.000 del giorno precedente.

Un fenomeno simile era stato registrato anche lo scorso anno, a seguito della morte di Prince, e secondo gli osservatori è assolutamente fisiologico.