macOS: nel deep web scoperti due ransomware molto potenti

di
INFORMAZIONI SCHEDA
La piattaforma PC di Apple, macOS, si è da sempre contraddistinta per una sicurezza maggiore rispetto alla concorrenza. Tuttavia, con l’aumento della popolarità è anche cresciuta l’attenzione da parte degli hacker.

Secondo quanto riferito da alcuni ricercatori di sicurezza, sul dark web sarebbero presenti dei sofisticati ransomware per macOS.
In particolare sarebbero due. Il primo è soprannominato “MacRansom” e, sebbene sia comunque un ransomware, non risulta essere troppo dannoso per il computer. Il funzionamento è lo stesso usato dagli altri ransomware: blocca i file di una vittima e richiede un riscatto che, se non pagato, porta alla cancellazione completa dei documenti se non si effettua il pagamento entro una settimana.
Secondo i ricercatori, il ransomware sarebbe dotato di un trigger associato ad una sorta di interruttore a tempo che si attiva in automatico. Tuttavia, appena lo si prova ad installare, viene riconosciuto dal sistema come dannoso.
Il riscatto richiesto ammonta a 0,25 bitcoin, l’equivalente di 700 Dollari.
Il secondo invece è MacSpy, uno spyware in grado di superare le limitazioni studiate da Apple e per questo è più difficile da riconoscere. Fortunatamente però almeno al momento non sembrano essere molto diffusi.

FONTE: Hackread Quanto è interessante?
1
Segnala Notizia Segnala Errori Vai ai commenti
macOS: nel deep web scoperti due ransomware molto potenti