Microsoft: in arrivo un'altra ondata di licenziamenti

di

Dopo i numerosi tagli di personali avvenuti lo scorso anno, che hanno portato al licenziamento di oltre 18.000 dipendenti, Microsoft si appresta ad un'altra ondata di tagli della forza lavoro. Nei prossimi mesi, infatti, la compagnia taglierà altri 7.800 posti di lavoro, molti dei quali interesseranno la divisione smartphone.

A quanto pare l'obiettivo è quello di snellire quanto più possibile questo ramo in quanto Windows è diventato un ecosistema unico in grado di adattarsi perfettamente anche su dispositivi mobili, il che potrebbe spingere il team che lavora sull'OS a concentrarsi su entrambi i settori.
Nell'ambito di questa ondata di licenziamenti, Microsoft saluterà anche due importanti dirigenti di Nokia, Stephen Elop e Jo Harlow, che lasceranno presto la società.
L'amministratore delegato Satya Nadella sta lavorando pe snellire quanto più possibile la forza lavoro per permettere a tutti i dipendenti di concentrarsi maggiormente sugli obiettivi aziendali e sui vari prodotti. Questa ondata di licenziamenti però da molti è interpretata come una tacita ammissione che i 7,8 miliardi di Dollari pagati per acquistare Nokia probabilmente sono ben al di sopra del reale valore della compagnia finlandese.
Alla fine di Marzo, Microsoft aveva a libro paga 118.584 dipendenti, in calo rispetto ai 127.000 del mesei di Luglio. Perdere altri 7.800 dipendenti rappresenta un ulteriore drastico cambiamento all'interno della società.
Il mese scorso Microsoft ha venduto la divisione Bing Maps (con i rispettivi dipendenti) ad Uber.
In una mail inviata ai dipendenti, Natella afferma che l'azienda “resterà impegnata sui dispositivi come gli smartphone”, ma vuole anche concentrarsi maggiormente sull'innovazione di questo comparto, probabilmente attraverso un portafoglio di smartphone più efficace ed un focus maggiore sui tre segmenti della clientela. 

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
0