Microsoft: "Windows 7 non è pensato per l'hardware moderno e la sua sicurezza"

di
Il supporto alla versione di Windows 7 consumer è terminato ufficialmente nel gennaio 2015, e il sistema operativo sta vivendo periodo in cui verrà solo aggiornato mediante delle patch di sicurezza, il quale termina il 14 gennaio 2020. Ad ogni modo, anche con l'applicazione di tali update, Microsoft sconsiglia il suo utilizzo su hardware moderno.

Secondo Markus Nitschke, numero uno di Microsoft Germania, Windows 7 non è un sistema operativo adeguato per le caratteristiche dell'hardware utilizzato a bordo delle macchine più moderne, mettendo queste a rischio sicurezza. Questo varrebbe soprattutto per gli utenti business ed enterprise, che hanno bisogno di uno strato di security molto robusto. Secondo Nitschke, gli utenti dovrebbero trarre un insegnamento dalla transizione da Windows XP verso 7, che ha fatto sì che coloro passati al sistema più recente non fossero stati faccia a faccia con "enormi pericoli". "Un esempio di livello di sicurezza più elevato offerto Windows 10 è rappresentato dalle soluzioni che fanno uso del machine learning, le quali determinano dei comportamenti sospetti utilizzando dei pattern predefiniti e che vengono migliorati quindi ad ogni iterazione", ha detto Markus. Secondo Microsoft, tale pratica sarebbe fondamentale per la prevenzione e l'eventuale eliminazione dei malware moderni, ricordando poi che chi desidera rendere il suo computer più robusto agli accessi esterni (fisici) può sfruttare i sistemi di autenticazione biometrica e i controlli di Windows Hello.