MREAL, il, visore di Canon per la realtà aumentata

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Canon sta per rendere disponibile, anche se per ora limitatamente al mercato nord-americano, il suo visore per la realtà aumentata; si chiama MREAL e non si tratta di una vera e propria novità dal momento che il dispositivo costituisce il coronamento di un processo, lungo ed impegnativo, avuto inizio tempo fa e ora giunto alla fase finale. Il prodotto è al momento definito come Mixed Reality per la sua capacità di riuscire a combinare le immagini virtuali con la realtà che ci circonda, e il suo funzionamento avviene grazie alla stretta sinergia tra il software MP-100 e il visore HM-A1.

 Lo scopo principale dichiarato da <b>Canon</b> è quello di consentire la visualizzazione tridimensionali degli oggetti prima di produrne un esemplare fisico; l'ambiente circostante viene ripreso da due telecamere collocate sul visore, mentre il software si occuperà dell'elaborazione del flusso video, così da ottenere le immagini da inviare, parzialmente sostituite dagli oggetti 3D. Il visore comprende due appositi sensori, in grado di poter rilevare la posizione all'interno di un determinato spazio e, in maniera del tutto analoga, sarà possibile utilizzare un simile sistema per l'interazione con alcuni oggetti: tramite un segnalatore collocato sull'oggetto, sarà possibile sostituirlo con immagini virtuali, così da indicare al software le coordinate spaziali da rispettare durante la procedura di creazione. MREAL, negli USA, sarà disponibile a partire dal primo Marzo e, trattandosi di un oggetto destinato prevalentemente all'attività di progettazione, il costo sarà alquanto elevato, si parla di circa 125.000 dollari, insieme ad un abbonamento annuale di 25.000 dollari necessario per le spese di manutenzione.
MREAL, il, visore di Canon per la realtà aumentata