Multa di 1,169 Miliardi di Dollari per Marvell

di

Marvell, l’azienda specializzata nella realizzazione di controller di rete e storage, che recentemente si è tuffata anche nel campo degli HD allo stato solido, è stata condannata a pagare una multa di 1,169 miliardi di dollari alla Carnegie Mellon University, che aveva citato l’azienda per utilizzo improprio di alcuni brevetti nel 2009. La controversia sarebbe rappresentata da una tecnologia in grado di aumentare precisione ed efficienza dei circuiti che si occupano della regolazione della fase di lettura deli hard disk magnetici, utilizzati all’interno dei controlli Marvell che la società ha fornito in questi anni, prevalentemente alla Western Digital.

La documentazione conferma che la tecnologia in questione venne sviluppata da un professore e un dottorando della Carnegie Mellon University, per poi essere utilizzata impropriamente da Marvell;  per le eventuali mozioni bisognerà avere ancora qualche mese di pazienza, precisamente al mese di Maggio. Ovviamente Marvell farà tutto per tentare di riuscire ad ottenere l'annullamenti, ma i giurati, a quanto sembra, hanno raggiunte molto facilmente l'unanimità, quindi sembra essere davvero difficile ribaltare la cosa per il noto produttore di chip.