Netflix, stretta sui blocchi regionali

di

Giro di vite sui servizi di proxy e che permettono di falsificare i VPN per accedere ai cataloghi Netflix di altri paesi. Con l'arrivo della piattaforma in un numero sempre maggiore di paesi, il servizio americano ha annunciato che farà rispettare i blocchi regionali.

Nella serata di ieri, infatti, attraverso un comunicato rilasciato sul blog ufficiale, la compagnia ha annunciato che non sarà più possibile accedere al servizio attraverso proxy o VPN modificati: “data la pratica storica di accedere ai contenuti presenti nei cataloghi di altri paesi, faremo rispettare e far rispettare le licenze in base alla posizione geografica” afferma David Fullagar, Vice President of Content Delivery Architecture, il quale ha anche rivelato che la società ha messo in atto dei rilevatori per scovare e disattivare tutti questi software che permettono di falsificare la provenienza geografica.
In passato, servizi come Hulu ed iPlayer sono stati molto attivi nel bloccare gli utenti proxy, e sembra che Netflix voglia fare lo stesso. L'azienda ha rivelato di essere al lavoro per portare l'intera libreria di contenuti in tutto il mondo, ma l'obiettivo non è facile da raggiungere vista la massiccia copertura del servizio.

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
0