Netindex: Italia ultima in Europa nella velocità Internet media

di

L’ennesimo rapporto di Netindex sulle prestazioni delle connessione condanna per l’ennesima volta il nostro paese, portando alla luce l’eccessiva lentezza delle nostre connessioni internet, non solo rispetto ai paesi occidentali, ma anche a quelli emergenti. La media nazionale si attesta sui 6Mbps, ed è stata calcolata sulla base del traffico effettuato nel periodo che va dal 4 febbraio al 4 marzo 2013; andando nello specifico, per la generazione dell’indice sono stati presi in considerazione più di 2,2 milioni di test sui 12,5 complessivi correlati a 12.505.991 di indirizzi IP unici. L’Italia occupa l’83esimo posto, battendo solo Bermuda e Belarus, ma facendo anche peggio di Guam, Serbia e Armenia; il nostro paese, in Europa, rappresenta il fanalino di coda, mentre ai piani alti della classifica troviamo la Lituania con 36,89 Mbps, il Lussemburgo con 32,05 Mbps, l’Olanda con 29,99 Mbps e la Svezia con una media di 28,05 Mbps. Nonostante si parli di velocità medie, è normale come alcune zone possano essere privilegiate rispetto ad altre, tanto che in Italia risultano dall’analisi ben 46,77 Mbps a Montespertoli, piccolo comune fiorentino.

 Gli esperti delle settore sono tutti concordi su una cosa: le nostre infrastrutture sono arretrate, ma vi sarebbero dettagli che aiuterebbero a comprendere i motivi di tale degrado: il primo è che siamo in mano ad un'unica rete nazionale in mano ad un solo operatore, infatti Telecom Italia detiene 112 milioni di km di rame e 4,3 milioni di fibra; altro motivo è l'architettura: il fiber-to-the-cabinet, grazie anche alla tecnologia VDSL2, sembra profilarsi come un compromesso economicamente sostenibile, rispetto al bel più caro fiber-to-the-home; ultimo, ma non per importanza, è il capitolo della domanda: nel nostro paese la maggior parte della clientela sceglie contratti con tagli di velocità a 7 Mbps, sia per non spendere di più che per il mancato mantenimento delle promesse da parte degli operatori che quasi mai coincidono con la realtà. Dall'analisi si nota come ci sia un cospicuo gruppo della popolazione snobbi internet.