Nokia vende 500 brevetti all'azienda Vringo per 22 milioni di dollari

di

Una settimana dopo l'annuncio della perdita di un miliardo di dollari nel secondo trimestre 2012, Nokia si è garantita liquidità vendendo 500 suoi brevetti a Vringo per 22 milioni di dollari. I brevetti si riferiscono soprattutto alle infrastrutture di telecomunicazione cellulare e Nokia, oltre a ricevere i contanti dalla vendita diretta, incasserà "parte dei ricavi generati" dai brevetti venduti. Secondo il Wall Street Journal, la maggior parte di tali brevetti è stata concessa tra la fine del 1990 e gli inizi del 2000, con molti di questi riferiti alla "tecnologia wireless di terza e quarta generazione".

Vringo si descrive come una società "impegnata nell'innovazione, lo sviluppo  e la monetizzazione delle tecnologie mobili e delle proprietà intellettuali"; i suoi prodotti di consumo più noti sono i "Facetones" e le suonerie video. Per quanto riguarda Nokia, la società finlandese aveva indicato in precedenza che avrebbe cercato di vendere parte dei suoi brevetti "al giusto prezzo", ma ciò che ha incassato è una piccola quantità di denaro in confronto alle perdite che ha avuto di recente. Tuttavia l'opinione prevalente tra gli analisti finanziari è che Nokia vale poco più del valore dei contanti e dei brevetti che ha ancora a disposizione. Il suo portfolio di brevetti è stato recentemente stimato tra 0.5 e 1 euro per azione, ma Nokia sta chiaramente cercando di estrarre più soldi dai propri brevetti rispetto al loro valore; Reuters avrebbe riferito a luglio che la società finlandese aveva fissato a 400 milioni di euro un pagamento anticipato di un contratto di licenza di brevetto. Sembra, secondo gli analisti e gli esperti di brevetti, che i licenziatari probabili fossero Microsoft o Apple. Rispetto a quest'ultima cifra, l'accordo con Vringo è molto inferiore, ma sembra che 22 milioni di dollari è stato il prezzo giusto per questo gruppo di brevetti.