Nuovi dettagli sull'IA di Elon Musk che ha battuto i professionisti di Dota2

di
OpenAI, azienda co-fondata da Elon Musk, ha pubblicato i risultati dell'allenamento che ha dell Bot che ha battuto i migliori giocatori di Dota 2. In fondo alla news trovate il video della sua sfida contro SumaiL, attualmente uno dei migliori giocatori mid in circolazione.

Nel nostro speciale dedicato abbiamo spiegato le meccaniche di Dota 2 per capire perché il Bot di OpenAI è un IA avanzata che non ha nulla a che vedere con i vecchi Bot precisi ma sostanzialmente incapaci di creare una strategia quindi impossibilitati a battere un essere umano esperto. Ne è la dimostrazione il fatto che i Bot di Dota 2 con cui è possibile allenarsi non costituiscono assolutamente una sfida adeguata per un giocatore professionista, nonostante abbiano una precisione del 100%. Sono stati pubblicati nuovi dati disponibili a questa pagina riguardanti l'allenamento del Bot.

Nel tweet di OpenAI è visibile il grafico che mostra la percentuale delle vittorie nel tempo del Bot contro la versione precedente di sé stesso, che mostra un andamento più o meno lineare. I miglioramenti del Bot derivano non solo da un aggiustamento del suo algoritmo di base nel giudicare come effettuare una scelta, ma anche nel fatto che può disporre di una più grande quantità di dati dalla quale può imparare.

Il Bot finale è stato allenato in sole due settimane, ma c'è voluto molto più tempo per arrivare a quello stadio. Dal 1 marzo ai primi di giugno OpenAI è riuscita a creare un Bot in grado di battere un giocatore con 1500 MMR, ovvero con un rank di Dota 2 pari a 1500 dove i giocatori professionisti vanno dai 7000 MMR ai 10.000 MMR circa. Il 30 giugno batteva anche quelli con 3000 MMR. l'8 luglio riusciva a sconfiggere (a malapena) giocatori con 7500 MMR mentre solo il 7 agosto ne ha battuti alcuni con quasi 9000 MMR, tutti tester che hanno accettato di giocatore contro il Bot. Quelli battuti hanno affermato che SumaiL, uno dei giocatori MID più bravi in assoluto, lo avrebbe battuto.

Il 9 agosto il Bot batte Arteezy 10-0, altro giocatore tra i più forti attualmente con l'eroe Shadow Fiend usato nel 1v1. Secondo Arteezy, SumaiL avrebbe battuto il Bot. Il 10 agosto Sumail ha finalmente sfidato il Bot nella partita di cui potete vedere due match nei video in fondo alla news, perdendo 6-0 in totale. Il secondo video è più interessante in quanto SumaiL cerca di bloccare continuamente i suoi creep per attirare il Bot tra le sue torri: la strategia non funziona e il Bot riesce a colpire l'avversario anche quando entra nella zona d'ombra. SumaiL afferma che il Bot è imbattibile, ma riesce a cavarsela meglio con la versione del Bot del giorno prima, dove perde 2-1 contro il Bot. Infatti il Bot impara continuamente dai dati che riceve, tant'è che la sua versione del giorno precedente ha vinto con meno scarto.

l'11 agosto il Bot batte Dendi in diretta, così come vi abbiamo descritto nel nostro speciale dedicato. In realtà Dendi è solo uno dei giocatori favoriti dal pubblico in quanto ex-campione di Dota 2 negli scorsi anni, dunque la sconfitta di Sumail è quella che ha decretato l'incredibile forza di questa intelligenza artificiale. La foto in fondo alla news è di SumaiL, 18 anni nato in Pakistan, uno dei migliori mid player di Dota 2.


Nuovi dettagli sull'IA di Elon Musk che ha battuto i professionisti di Dota2