Nuovi MacBook Pro e Surface: il futuro dei PC torna ad essere per pochi?

di
La settimana appena passata è stata cruciale per il mondo dell’informatica: da una parte Microsoft ha ridefinito la sua idea di PC casalingo All-In-One, dall’altra Apple ha svelato al mondo i suoi nuovi MacBook Pro con Touch Bar.

Senza entrare nel merito delle innovazioni e delle tecnologie implementate nei nuovi dispositivi, The Verge si è avventurata in una riflessione: stiamo tornando al tempo in cui i PC erano costosi e per pochi professionisti? A vedere i prezzi di listino dei nuovi device sembra proprio di si… Microsoft propone il suo Surface Studio base a 2.999 dollari, che diventano 4.199 con spazio storage da 2 TB e RAM da 32 GB. Non va molto meglio con il nuovo Surface Book, che promette 16 ore di autonomia con una carica ma a 2.399 dollari come prezzo di partenza.

Medesima storia triste sul fronte Apple: per acquistare un MacBook Pro da 13 pollici con Touch Bar bisogna sborsare in Italia 2.099 euro, la versione da 15 pollici ne costa invece 2.799. Va un pochino meglio se si rinuncia alla innovativa barra touch, ma si deve comunque spendere 1.799 euro, mentre fino a pochi giorni fa il MacBook Pro base costava (costa ancora, visto che è rimasto a listino) 1.499 euro. Insomma un ritorno alle origini, quando i PC erano oggetti esclusivi, che punta a un maggiore guadagno per singola unità venduta, visto che i trend del mercato indicano un calo generale nelle vendite di personal computer.

Del resto smartphone, tablet, ultrabook e Chromebook costano meno e sono sufficienti per l’uso quotidiano, Microsoft e Apple invece puntano ai portafogli dei professionisti più avanzati, esattamente come succedeva alle origini. La tecnologia dunque sta avanzando per - in realtà - regredire? O è un problema che riguarda soltanto chi utilizza i PC per lavori pesanti e avidi di risorse?

MacBook Pro Retina

MacBook Pro Retina
  • Produttore: Apple
  • Prezzo: A partire da 2.299€
  • Sito Ufficiale: Link
    • Caratteristiche tecniche
    • +