Objective-C: ennesimo successo Apple

di

Quando Apple inaugurò il suo App Store nel 2008, diede vita ad una rivoluzione che portò alla nascita del più grande e vibrante ecosistema di app per i dispositivi mobile esistente. Di conseguenza, non è una sorpresa il fatto che Objective-C, il linguaggio di programmazione orientato agli oggetti utilizzato dagli sviluppatori di tutto il mondo per la realizzazione delle proprie app iOS o OS X, sia alla terza posizione nella classifica dei più popolari del mondo, alle spalle solo di Java e C, da cui deriva.

Ogni mese vengono aggiornati i risultati globali  dell'indice TIOBE, che ha la funzione di tracciare la popolarità dei linguaggi di programmazione. Questo mese TIOBE ha reso noto che Objective-C ha superato il linguaggio C++, con cui era in competizione per la corona del "linguaggio di programmazione orientato agli oggetti de facto". Questi due linguaggi usano una sintassi molto simile e sono stati rilasciati negli anni 80. Interessante la storia di Objective-C: fu scelto da Apple sotto indicazione del compianto Steve Jobs (all'epoca non ancora CEO, lo divenne un anno dopo), perché era il linguaggio su cui si basava la piattaforma operativa NeXSTEP, lanciata da Jobs stesso insieme all'azienda NeXT. Quando quest'ultima fu acquisita da Apple nel 1996, l'Objective-C divenne la spina dorsale del futuro iOS e OS X. Nella speciale classifica TIOBE, appena davanti Objective-C si piazza il linguaggio Java, usato per il web e per dispositivi basati su Android. E' improbabile che Java ceda il posto ad Objective-C a breve termine, ma come si evince dalla classifica TIOBE, esso è in declino, mentre il linguaggio Apple-used è in forte crescita. E' solo questione di tempo. Il successo di Objective-C, oltre che alla forte popolarità dell'App Store, può anche essere attribuito alla relativa facilità con cui è possibile imparare questo linguaggio. Esistono moltissimi tipi di corsi a pagamento o addirittura gratis su iTunes U per l'apprendimento di Objective-C. Tutto ciò di cui si ha bisogno è una piattaforma basata su OS X, con cui è possibile utilizzare il programma per lo sviluppo delle applicazioni Xcode (disponibile gratis su Mac App Store) e un account "Developer", acquistabile per 80€ all'anno, affinchè si possa accedere al Dev Center, utile per usufruire delle risorse messe a disposizione dagli ingegneri Apple. Una volta superati questi "costosi" scogli e inviato il proprio lavoro, rimane da trattenere il fiato, fino a quando Apple non accetterà o rifiuterà la propria app.