Oculus Rift potrebbe raccogliere i vostri dati ed inviarli a Facebook

di
I primi utenti che stanno utilizzando la versione consumer del primo visore di Oculus, il Rift, stanno notando qualcosa di strano fra il software richiesto per completare l'installazione necessaria per il corretto funzionamento e fra le termini e condizioni associate al contratto d'uso.

I punti dolenti riguardano infatti l'argomento privacy che, dopo l'acquisizione di Oculus da parte di Facebook, è stato sempre un tema molto caldo per il visore. Rift potrebbe infatti collezionare le informazioni dell'utente per inviarle alla società del famoso social network, che li userebbe per mandare al consumatore degli ads mirati ai suoi interessi. Nei termini del contratto si legge che il dispositivo potrebbe salvare "Informazioni sui movimenti della tua testa" e dati più generali riguardo la posizione ed il computer che si sta utilizzando. Le righe che spaventano di più gli utenti recitano testualmente: ""We use the information we collect to send you promotional messages and ontent and otherwise market to you on and off our Services".
Cosa ne pensate? Credete che gli utenti che hanno segnalato il tutto abbiano ragione?