Parigi: il consiglio comunale si spacca sulla strada intitolata a Steve Jobs

di
Divisione nel consiglio comunale di Parigi, che qualche giorno fa è stato chiamato a discutere sulla proposta avanzata dal presidente della tredicesima circoscrizione, Jerome Coumet, riguardo la toponomastica della Station F.

Coumet infatti ha avanzato la proposta di intitolare la strada al fondatore di Apple, Steve Jobs, scomparso nel 2011 in quanto secondo lo stesso “ha cambiato la vita quotidiana di tutti noi”. Tuttavia, la proposta ha suscitato non poche polemiche, in particolare dalla parte comunista ed ambientalista del consiglio comunale. I primi infatti si sono opposti in quanto Jobs, sebbene sia stato un grande innovatore della nostra epoca, non avrebbe garantito stipendi sufficienti ai suoi dipendenti, ed hanno anche posto l’accento sulle pratiche di ottimizzazione fiscale messe in atto dal CEO.
In una nota, infatti questi ultimi affermano che “durante la sua vita Steve Jobs, pur innovando, non ha fatto altro che garantire salari insufficienti ed ore si straordinario obbligatorie ai propri dipendenti, ha messo in atto massicce pratiche illegali di ottimizzazioni fiscale”.
Dello stesso avviso anche Anna Sourys, portavoce degli ecologisti, secondo cui Jobs avrebbe “delocalizzato per pagare la gente il meno possibile, ed ha costruito utilizzando materiali non riciclabili”, ecco perchè un omaggio all'iCEO sarebbe quanto meno inopportuno. Nella stessa zona comunque saranno intitolate strade anche ad Alan Turing, Ada Lovelance e Grace Murray Hopper.