Perchè l'interfaccia di Windows 8 non si chiamerà più "Metro"?

di

Il termine "Metro" è stato ufficialmente proibito come denominazione dell'interfaccia Windows8. Tutti si chiedono perchè. Nell'ambiente di Redmond il termine sembra essere off limits; in un primo momento Microsoft sosteneva che si trattava solo di un nome in codice, mentre poi sono emerse problematiche a carattere legale per l'abbandono di "Metro". Come descritto dal giornalista Mary Jo Foley di ZDNet, sembra che Microsoft abbia avuto dei grattacapi legali con un partner europeo, la Metro Group. E a quanto pare a Redmond non hanno ancora capito come risolvere il problema. Il divieto sul termine "Metro" infatti, è più serio di quanto si pensasse.

Esso riguarda non solo Microsoft, ma anche i produttori di dispositivi, sviluppatori, editori e una sfilza di altre persone e aziende coinvolte nel progetto Windows 8. Tutti questi devono ora riscrivere le proprie applicazioni e la propria documentazione o ogni altro tipo di contenuto contenente la parola incriminata. E' stato reso obsoleto non solo un termine, ma un concetto che Microsoft aveva fortemente propagandato:"Metro è il linguaggio del nostro design. Lo chiamiamo Metro perchè è moderno e pulito, veloce e in movimento. Ed è tutto autentico...". E' così che Microsoft ha visto e promosso "Metro" nelle scorse settimane e mesi. Nonostante le dichiarazioni dell'azienda sul fatto che fosse solo un nome in codice destinato ad essere sostituito in ogni caso, sembra chiaro che Microsoft contava sull'immagine trasmessa per contribuire a promuovere il nuovo look and feel di Windows 8. Considerando l'importanza del termine quindi, perchè Microsoft vi ha rinunciato così facilmente? Non è certo la prima volta che una società incorre in problemi legali relativi ad un marchio. Apple per esempio, ha avuto problemi con Cisco Systems per l'uso del termine iPhone. Le due aziende però, sono state in grado di raggiungere, seppur faticosamente, un accordo che ha permesso a Cupertino di utilizzare il termine per il proprio dispositivo di successo. Sempre Apple, più recentemente, ha dovuto affrontare problematiche legali in Cina per il marchio iPad con la Proview Technology. Tutto si è risolto con il pagamento da parte di Cook e soci di 60 milioni di dollari. Come mai Microsoft non prova a "combattere" legalmente per la difesa del marchio "Metro"? E come mai questo problema è emerso solo ora, a poche settimane dal lancio di Windows 8? Il termine "Metro" non è certamente nuovo, visto che è stato usato sul sistema operativo mobile Windows Phone 7. Quindi, perchè le questioni legali non sono emerse precedentemente? Una teoria, non basata su alcuna prova, ma da prendere in considerazione c'è, secondo Lance Whitney di CNET. Dopo la pubblicazione delle varie versioni beta, Windows 8 è stato oggetto di una dubbia accoglienza. Molti utenti infatti, in particolare quelli desktop e laptop, hanno constatato che la nuova interfaccia è maggiormente indirizzata ai tablet. Altri ne hanno criticato la doppia personalità, metà Metro e metà desktop. Il passaggio dall'una all'altra è alquanto goffo. Tra tutte le critiche e le denunce comunque, molti hanno condannato l'interfaccia "Metro", dicendo che non si adatta bene ai PC, non sfrutta le potenzialità degli schermi grandi o è scomodo da usare. Quindi, se "Metro" appare essere l'oggetto di derisione o di critica di tanti, perchè scomodarsi a combattere per tenersi il termine? Basterà chiamarla interfaccia di Windows 8 e per le applicazioni, basterà chiamarle applicazioni di Windows 8. Certo, sostituire il termine "Metro" significherà lavorare parecchio, ma sembra proprio strano che un'azienda grande ed esperta come Microsoft abbia rinunciato ad un termine-concetto propagandato come la più grande caratteristica del nuovo Windows.
FONTE: CNET
Quanto è interessante?
0