Qualcomm avrebbe bloccato Samsung dal vendere i processori Exynos

di
Samsung ha ampiamente dimostrato di saper produrre processori con prestazioni estremamente solide. E’ il caso dei chip Exynos, le cui prestazioni sono sempre state in linea con i top di gamma del settore ed hanno ampiamente dimostrato di poter competere con gli Snapdragon di Qualcomm.

Appare quindi strana la decisione del produttore asiatico di non vendere i propri processori ad aziende di terze parti. Un nuovo rapporto emerso oggi in rete ha svelato che Qualcomm avrebbe bloccato Samsung dal vendere i processori Exynos ad altri produttori.
Il rapporto afferma che Qualcomm avrebbe letteralmente abusato di una licenza riguardante un brevetto standard al fine di evitare che Samsung possa vendere i propri processori a produttori di terze parti per circa 25 anni. Questa pratica sleale è venuta alla luce durante la causa che vede interessata la stessa Qualcomm per abuso della propria posizione sul mercato.
Samsung Electronics è stata bloccata dal vendere i propri chipset ad altri produttori di smartphone a causa di una licenza firmata con Qualcomm” si legge nella risoluzione, che potrebbe portare ad un’altra multa per la compagnia americana.
Aggiornamento delle 16:00 - Qualcomm, attraverso un proprio rappresentante, ha fermamente smentito la notizia, affermando che "non ha mai impedito a Samsung di vendere chip a terzi, e nemmeno gli accordi stretti tra le parti lo prevedono. Qualsiasi dichiarazione contraria è completamente falsa".

FONTE: PA Quanto è interessante?
0
Segnala Notizia Segnala Errori Vai ai commenti