Qualcomm mostra i nuovi processori Snapdragon 200 e 400 per telefoni di fascia media e bassa

di

Dopo aver dato un forte scossone al settore con i suoi processori Snapdragon 600 e 800, dedicati a device mobile di fascia alta, Qualcomm si lancia in una nuova impresa: dominare il settore dei dispositivi mobili di fascia media e bassa con i chip Snapdragon 200 e 400. Nella giornata odierna sono stati svelati tutti i dettagli: per quanto riguarda lo Snapdragon 400, il più potente dei due chip, abbiamo quattro core basati su architettura Cortex-A7 che arrivano fino a 1.4 GHz, mentre la GPU è un'Adreno 305. Il processore supporta le reti TDSCDMA, DC-HSPA+ (fino a 42Mbps), 1x Advanced, W+G CDMA, il multi-SIM e riesce a gestire fotocamere fino a 13,5 Megapixel. Il più piccolo della serie invece, lo Snapdragon 200, è dotato di quattro core basati su architettura Cortex-A5 da 1.4 GHz e scheda grafica Adreno 203. Anche in questo caso abbiamo il supporto multi-sim, mentre la gestione della fotocamera si "limita" a modelli da 8 megapixel.

Nonostante questi prodotti siano focalizzati su dispositivi di fascia medio-bassa e bassa, comprendiamo facilmente come ci sia una veloce evoluzione nella potenza degli smartphone, visto che tra pochi mesi anche dispositivi poco costosi godranno delle prestazioni di un chip quad-core. Con i modelli Snapdragon 600 e 800, Qualcomm ha già iniziato a coprire il mercato, grazie alla loro adozione da parte di HTC con lo smartphone ONE, di LG con l'Optimus G Pro e, si vocifera, di Samsung con il nuovo Galaxy S4.
Qualcomm mostra i nuovi processori Snapdragon 200 e 400 per telefoni di fascia media e bassa