Samsung aumenta del 20% il costo dei componenti per Apple

di

E’ risaputo che molti prodotti Apple appartenenti al segmento mobile possiedano una CPU prodotta da Samsung, nonostante l’ormai continua battaglia e i rapporti conflittuali in tribunale tra i due colossi. Marketwatch, piattaforma molto attenta al mercato e ai titoli azionari principali, ha diffuso oggi una curiosa informazione: Samsung avrebbe ritoccato al rialzo i prezzi a scapito della società di Cupertino, con un rincaro del prezzo dei processori destinati ai dispositivi mobili di Apple del 20%. Il sito riporta direttamente una dichiarazione pervenuta dalla persona che starebbe intermediando la faccenda: “Samsung Electronics ha recentemente chiesto ad Apple un significativo rialzo dei prezzi dei processori per il settore Mobile. Apple ha ovviamente disapprovato all’inizio, per poi accettare a causa della mancanza di una valida alternativa.”.

Samsung ha venduto circa 130 milioni di processori per la società di Tim Cook nel 2011, e 200 milioni di unità nell'anno in corso fino a questo momento. Apple ha dimostrato di voler dirottare l'approvvigionamento verso altre realtà, ma è vincolata con Samsung da un contratto che avrà termine solo nel 2014. Al momento per Apple non ci sono quindi molte alternative, ma visto l'innalzamento corposo di prezzo previsto dalla casa coreana, una contromossa da parte di Cupertino non tarderà ad arrivare.