Samsung: mandati di arresto per altri dirigenti della compagnia?

di
Il terremoto giudiziario all’interno di Samsung potrebbe essere solo all’inizio. Secondo quanto riportato dalla stampa locale, la Procura della Corea del Sud potrebbe ordinare l’arresto di altri dirigenti Samsung per lo scandalo scoppiato lo scorso mese.

Un portavoce dell’ufficio del Procuratore, Lee Kyu-chul, ha rivelato che le autorità stanno concludendo le indagini e sono in attesa di una decisione. La cosa certa è che sono al vaglio altri mandati di arresto per altri dirigenti della società, che potrebbero interessare quattro funzionari di Samsung Group. Una decisione finale però sarà presa solo dopo gli interrogatori, che saranno effettuati prossimamente.
E’ chiaro però che il mandato di arresto non coincide con la detenzione in prigione, in quanto un tribunale coreano ha stabilito che per Lee non ci sono gli estremi per portarlo in carcere durante il processo. Il Vice Presidente di Samsung Group potrebbe ricevere un altro mandato d’arresto questo mese, ma solo se le autorità riusciranno a scoprire ulteriori prove contro di lui.
Lee è accusato di aver pagato più di 37 milioni di Dollari in tangenti a diverse organizzazioni legate a Chi Soon-sil, che avrebbe aiutato Samsung Group nel 2015.
Le autorità hanno l’obbligo di terminare le indagini sulla questione prima di procedere ai mandati di arresto. Lo scandalo, oltre ad avere ripercussioni economiche, potrebbe averne anche dal punto di vista politico.