Samsung non è la sola a barare sui test benchmark

di

Pochi giorni fa abbiamo riportato la notizia del presunto "imbroglio" da parte di Samsung sui test benchmark del suo Galaxy Note 3. In poche parole, l'azienda coreana, che non è nuova a queste cose, farebbe in modo che il proprio dispositivo riconosca quando questi test sono in corso e simuli prestazioni alterate del 20% del proprio processore e dell'hardware connesso. Secondo AnandTech però, gli asiatici non sarebbero i soli a "barare". Anche Asus, HTC e qualche altra società tecnologica utilizzerebbero lo stesso stratagemma per "pompare" le prestazioni dei propri device. Secondo i dati raccolti, la maggior parte delle aziende tecnologiche avrebbe almeno un dispositivo che agisce nel modo su descritto, eccezion fatta per Apple, Google con la sua serie Nexus e Motorola con i suoi ultimi prodotti. In particolare, AnandTech ha scoperto che le compagnie incriminate, in media, aumentano del 10% le prestazioni dei propri dispositivi nei test AnTuTu e Vellamo (date uno sguardo alla tabella in calce alla news). Presterete ancora attenzione a questi test per decidere l'acquisto del vostro prossimo smartphone?

FONTE: Engadget
Quanto è interessante?
0
Samsung non è la sola a barare sui test benchmark