SanDisk e Western Digital: collaborazione per lo storage ibrido

di

SanDisk e Western Digital hanno da poco annunciato una collaborazione finalizzata alla creazione di nuove soluzioni per lo storage ibrido, caratterizzate dalla tecnologia di SanDisk, flash memory, e da quella degli hard disk di Western Digital. La prima fornirà un dispositivo di archiviazione SanDisk iSSD per il disco allo stato solido Western Digital Black, la soluzione SSHD da 2,5 pollici più sottile al mondo, che utilizza sia la tecnologia ibrida proprietaria di WD, quanto quella standard IO del settore, SATA. La collaborazione instaurata tra i due produttori consentirà un miglioramento dell’esperienza dell’utente PC, offrendo contemporaneamente un’elevata capacità d’archiviazione insieme a migliori livelli di performance rispetto ai tradizionali hard disk, con transfer-rate superiori e tempi di accesso ed accensione decisamente più bassi.

La soluzione SSHD WD Black 5 mm, offrirà una capacità di archiviazione pari a 500GB, con un volume quasi dimezzato rispetto agli attuali dischi standard destinati ai notebook, spessi all'incirca 9,5mm; lo spessore ridotto della soluzione ibrida allo stato solido si coniuga con il formato molto contenuto del dispositivo SanDisk iSSD, costruito con l'ausilio del processo produttivo a 19 nanometri. Al momento non sono disponibili informazioni circa i prezzi di commercializzazioni, ma alcune fonti fanno sapere che Western Digital ha già iniziato le spedizioni della soluzione agli OEM; siamo sicuri che le informazioni mancanti non tarderanno ad arrivare.