Tim Cook: "abbiamo aiutato il governo inglese dopo gli attentati"

di
Interessante retroscena svelato dall’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, nella serata di ieri a margine del keynote di apertura della WWDC, il CEO ha rivelato che l’azienda ha collaborato con il governo del Regno Unito a seguito dei terribili attacchi terroristici che hanno interessato il paese.

Parlando con Bloomberg, Cook ha affermato quanto segue: “abbiamo collaborato con il governo britannico, non solo in materia di applicazione delle leggi, ma anche su alcuni degli attacchi terroristici. Non posso però dire nulla a riguardo”.
Cook ha però affermato che Apple ha risposto prontamente a tutte le richieste di dati da parte della polizia inglese, ed ha aggiunto che ha rispettato tutte le normative vigenti in materia di sicurezza nazionale. Il CEO, in risposta alla possibile costruzione di un backend in app come iMessage e Whatsapp, ha svelato che ci sono un sacco di informazioni che le aziende del settore potrebbero condividere sotto forma di metadati. Chiaramente queste non includono i messaggi veri e propri, ma il contesto, ovvero quando sono stati inviati, da chi, da dove ed a chi. “I metadati, se messi insieme, possono comporre un profilo”, ha affermato.