Twitter: un nuovo aggiornamento sul caso degli account hackerati

di
Qualche giorno fa su queste pagine abbiamo riportato la notizia dei molti account Twitter compromessi da alcuni hacker vicini al governo turco per diffondere l’hashtag #NaziHollanda e farlo finire tra i trend tweet. Oggi Dave Palmer, Director of Technology di Darktrace, ha diffuso un’interessante dichiarazione a riguardo.

"Siamo di fronte a un esempio eclatante di fiducia mal riposta. A quanto pare, milioni di individui e di aziende in tutto il mondo hanno affidato a un piccolo service esterno la possibilità di pubblicare i loro tweet e di cambiare le impostazioni dell'account a loro piacimento.
Non possiamo immaginare quanta sicurezza ci sia stata dietro all’uso di questo servizio, nemmeno sapere quanto i team di sicurezza aziendali siano stati coinvolti nella decisione di adottarlo.
Indipendentemente dal modo in cui il servizio è stato attaccato, se gli account siano stati violati da remoto o da parte di un impiegato malintenzionato, la fiducia delle vittime nel servizio non era adeguata.
L’immagine politica che ne risulta su larga scala sarà presto rimossa dalle vittime colpite, ma pensiamo che ci saranno momenti di discussione in merito a come si presenta esattamente la supply chain digitale nelle grandi aziende interessate.
Gli attacchi che avvengono tramite supply chain, parliamo di tecnologie operative e lavoratori in outsourcing, sono tra le categorie di attacchi in più rapida crescita che Darktrace nota in tutti i clienti a livello globale" si legge nel comunicato diffuso.