Twitter riesce a predire una situazione di pericolo molto prima della polizia

di
INFORMAZIONI SCHEDA
Un nuovo studio dell'Università di Cardiff ha determinato che Twitter è in grado di identificare una situazione di pericolo, come una rivolta, con un'ora di anticipo rispetto alla polizia. Usando un dataset da 1.6 milioni di tweet risalenti alle rivolte di Londra nel 2011, i ricercatori hanno creato un algoritmo in grado di evidenziare una minaccia

Il sistema da un'occhiata agli account per ottenere informazioni come la posizione in cui è stato postato il tweet, la frequenza dei tweet con una certa parola (o addirittura variazioni della stessa parola) e via dicendo.

Usando queste informazioni l'algoritmo così sviluppato è in grado di identificare un incidente più velocemente della polizia in quasi tutti i casi. Il loro sistema è riuscito a pescare un tweet con cui si annunciavano manifestazioni violente ad Edmonton mezz'ora prima di quanto ci abbia messo la polizia. Pare poco, ma si tratta di una frazione di tempo che fa la differenza e può permettere alle forze dell'ordine di muoversi in tempo per dispiegare le proprie forze, evitando il peggio.

Al momento, le forze dell'ordine hanno già strumenti per rilevare i grandi fenomeni, come gli attacchi terroristici, tuttavia è molto più difficile quando si parla di problemi minori come incendi, incidenti stradali e via dicendo. Autentici aghi nel pagliaio che l'algoritmo è in grado di trovare con relativa facilità. Aggregare quello che la gente posta sui social –in particolare su Twitter– si conferma un metodo estremamente efficacie per avere notifiche in tempo reale sugli eventi più importanti e, potenzialmente, pericolosi.