Uber Francia: i dirigenti andranno a processo per UberPop

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Continua a tenere banco in Francia la questione legata a Uber ed il servizio UberPop che, come abbiamo riportato questa mattina, ha portato all'arresto di due dirigenti d'alto rango della compagnia statunitense che si occupavano della filiale transalpina dell'azienda, dopo le proteste dei tassisti avvenute la scorsa settimana.

I pubblici ministeri francesi hanno annunciato che il general manager di Uber Europe Pierre-Dimitri Gore-Coty e l'amministratore delegato di Uber France, Thibaud Simphal andranno a processo il prossimo mese di Settembre. Come riporta la stampa francese, sui due piovono accuse gravissime: trattamento illecito di dati personali, complicità nella gestione di un servizio di taxi illegale e pratiche ingannevoli sul mercato. I due andranno dinanzi al tribunale il prossimo 30 Settembre.
A questo punto pende sul servizio una grossa spada di Damocle in quanto, nonostante l'arresto dei due dirigenti e le proteste dei sindacati, la Corte Costituzionale ancora non si è espressa in merito alla reale illegalità del servizio, che potrebbe portare alla sospensione definitiva in tutta la nazione. Le autorità locali però hanno indurito le loro posizioni, ad esempio degli Interni ha invitato la polizia e le prefetture a far rispettare il divieto di UberPop, aggiungendo che i conducenti saranno sottoposti a sequestro del mezzo. Al momento sono stati multati più di 200 piloti, di cui uno condannato a quindici giorni di carcere.
UberPop France ancora non ha voluto commentare la notizia.