Ubuntu programma una consistente riduzione degli aggiornamenti

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Canonical starebbe considerando la possibilità di abbandonare la pubblicazione di una nuova versione del sistema operativo ogni sei mesi, in favore di un update più rilevante ogni due anni, intervallato da aggiornamenti minori. L’ultima versione a seguire l’attuale modello potrebbe essere la 10.04, versione LTS la cui uscita è programmata per il mese di Aprile del 2014: Canonical giustifica tale cambiamento di politica con l’intento di offrire una maggiore stabilità e novità rilevanti con ogni nuova uscita di Ubuntu, senza però far mancare aggiornamenti tra una versione e l’altra del sistema operativo.

L'aggiornamento semestrale che la società ha rilasciato fino a questo momento, ha provocato non poche difficoltà agli sviluppatori, ad esempio nella scelta del kernel Linux da utilizzare: per la versione 13.04, ad esempio, è stata scelta la versione 3.8, rinunciando ai miglioramenti introdotti dalla versione 3.9, cosa che non dovrebbe avvenire con un ritmo di pubblicazione biennale, così da potersi permettere di aspettare un po' senza disagi. Prima di mettere in pratica tale decisione, l'azienda realizzatrice di Ubuntu dovrà prima fare i conti con gli utenti, assicurandosi che siano soddisfatti da un possibile ciclo di aggiornamento biennale; il tema in questione è stato affrontato da Leann Ogasawara di Canonical, parlando con gli utenti tramite la funzione hangout messa a disposizione dal social network di Mountain View, Google+ ed ora pubblicato su YouTube.