Un utente fa causa a Tim Cook per l'aggiornamento automatico ad iOS 7

di

Con l'introduzione di iOS 7 sui dispositivi mobili della Mela, Apple ha rivoluzionato un intero ecosistema, non solo a livello grafico ma anche dal punto di vista delle funzionalità implementate. L'apprezzamento degli utenti è stato molto alto, ma cosa succede a chi non vuole iOS 7 sul proprio iPhone o iPad?

Purtroppo Apple ha deciso che il download del nuovo sistema operativo sui nostri dispositivi debba avvenire ugualmente, così appena ci si collega ad una rete wireless, tramite la modalità Over the Air, iOS 7 va ad occupare 1 GB della nostra memoria. Saremo poi noi a decidere se installare il tutto o meno, ma non potremo eliminare il contenuto scaricato automaticamente. Proprio per questo motivo un utente della California, tale Mark Menacher, ha fatto causa a Tim Cook, chiedendo un risarcimento. Ecco le sue parole pubblicate da CNET:"Il disprezzo di Apple per le preferenze dei clienti in relazione a iOS 7 è teppismo aziendale. Steve Jobs è stato descritto molto ruvido con i dipendenti aziendali per assicurare la soddisfazione dei clienti, ma Tim Cook apparentemente coltiva una cultura del disprezzo per la soddisfazione del cliente per il perseguimento di profitti aziendali. Si tratta di una politica che finirà per fallire". Oltre alla battaglia personale, Menacher ha anche minacciato di aprire una class action, e considerando le motivazioni non faticherà ad ottenere un seguito molto consistente.
FONTE: Cnet
Quanto è interessante?
0