WannaCry ha infettato anche degli autovelox. Invalidate 8000 multe.

di
WannaCry ha fatto vedere i sorci verdi a parecchie aziende e agenzie pubbliche in tutto il mondo, tuttavia c'è chi ha potuto festeggiare proprio grazie all'attacco ransomware. Ad esempio alcuni automobilisti della città di Victoria, in Australia, che sono visti annullare le multe visto che gli autovelox della città sono stati colpiti dal virus.

Il dipartimento di polizia di Victoria ha annunciato questo sabato 24 giungo che tutte le infrazioni individuate grazie agli autovelox sono state ritirate. Il motivo? Le camere sono state colpite dal virus WannaCry e l'amministrazione deve ancora fare il bilancio della situazione. "Questo non vuol dire che le infrazioni non saranno notificate nuovamente", ha dichiarato l'assistente commissario Doug Fryer, spiegando che il dipartimento vuole semplicemente assicurarsi che la camera e il rilevatore di velocità fossero correttamente in funzione al momento dello scatto. Le camere colpite dal ransomware sarebbero 55, ma l'attacco potrebbe aver influito in qualche modo anche su altri autovelox, per un totale di 280. I rilevatori non sono connessi di norma ad internet, ma un manutentore avrebbe, in errore, connesso una chiavetta USB infettata dal virus all'hardware che gestisce tutto il sistema di sorveglianza. L'incidente sarebbe avvenuto lo scorso sei giugno e, quindi, le infrazioni –per il momento– annullate sono tutte quelle rilasciate da quel giorno ad oggi.

La polizia ha dichiarato che al momento non ci sono indizi sul fatto che il virus abbia reso inefficace il rilevatore di velocità, tuttavia si preferisce mantenere un atteggiamento estremamente prudente per evitare ricorsi di massa e il crollo della fede pubblica nei confronti delle autorità.