Wikileaks: la CIA risponde alle accuse

di
A poco più di ventiquattro ore dalla pubblicazione dei documenti da parte della Wikileaks, che hanno svelato una stretta rete di sorveglianza da parte della CIA attraverso dei malware per dispositivi mobili, smart tv e computer, è finalmente arrivata la risposta dell’agenzia governativa americana.

In una dichiarazione rilasciata, i funzionari di Langley, hanno affermato che “non abbiamo alcun commento da fare riguardo l’autenticità dei documenti pubblicati da Wikileaks, tanto abbiamo nulla da dichiarare riguardo lo stato delle indagini sulla fonte di tali documenti”.
Una dichiarazione che ha scatenato le reazioni furiose di tutti gli esperti in sicurezza e delle associazioni a difesa della privacy, che non hanno accolto favorevolmente quello che, di fatto, altro non è che un “no comment” da parte della CIA.
Alcuni funzionari anonimi della FBI e CIA, parlando con la CNN, hanno rivelato che le due agenzie stanno esaminando la questione, che potrebbe anche approdare al Senato e la Camera o potrebbe portare anche all’apertura di un’indagine interna per fare chiarezza su chi era a conoscenza della questione.

FONTE: Engadget