Xiaomi Mi Note: primi drop test dopo la presentazione

di

Xiaomi sta avendo grande spolvero sulle principali testate giornalistiche mondiale dopo aver presentato due dispositivi dotati di ottima fattura e presto sul mercato a prezzi altamente concorrenziali, il Mi Note e il Mi Note Pro. Oltre che dei primi video hands-on la rete si sta arricchendo in queste ore di filmati che mostrano diversi drop-test effettuati su di essi. In particolare, il Mi Note è stato sottoposto ad un test di caduta e di impatto (con una sfera metallica) che ne ha confermato una buona resistenza. Trovate il video in calce alla notizia.

Il Mi Note è uno smartphone con display da 5,7 pollici e risoluzione di 1920x1080 pixel, in grado quindi di fornire una densità per pixel di 387 ppi. A livello di design non si registrano cambiamenti sostanziali ripetto all'Mi4, visto che è a tutti gli effetti il naturale successore, c'è però da sottolineare che Xiaomi ha lavorato duramente per ridurne le dimensioni: la struttura in metallo è infatti spessa solo 6,95 millimetri, che lo rende più sottile dell'iPhone 6 Plus di Apple (7,1 millimetri). Più sottili anche le cornici laterali, che mettono maggiormente in risalto lo schermo del cellulare, il quale è leggero 161 grammi e misura 155,1x77,6 millimetri. Sotto la scocca troviamo il processore Qualcomm Snapdragon 801 quad-core da 2,5 Ghz, accompagnato dalla GPU Adreno 330 ed il supporto dual SIM alle schede 4G, oltre a 3 gigabyte di RAM. La fotocamera posteriore sfrutta il sensore IMX214 di Sony ed è da 13 megapixel, con stabilizzazione ottica dell'immagine e doppio flash LED prodotto da Philips, mentre quella frontale è da 4 megapixel UltraPixel, la stessa deell'One M8. Alla scheda tecnica bisogna aggiungere la presenza di una batteria al litio da 3000 mAh con QuickCharge 2.0 ed audio Hi-Fi, in grado di riprodurre audio a 24 bit e 192 Khz grazie alla funzione built-in dei chip targati Texas Instruments. Il comparto software è composto da Android 5.0 Lollipop con l'ultima versione dell'interfaccia grafica proprietaria MIUI 6.0. Il modello da 16 gigabyte costerà 371 Dollari, mentre la versione da 64 gigabyte 451 Dollari.

Per quel che riguarda il Mi One Pro, ci troviamo di fronte ad un phablet con display da 5,7 pollici con risoluzione Quad HD di 2560x1440 pixel e pannello JDI, in grado di fornire una densità di 515ppi. Sotto la scocca troviamo l'attesissimo processore Snapdragon 810 accompagnato da ben 4 gigabyte di RAM, che farà girare nel migliore dei modi Android 5.0 Lollipop a 64-bit. Il phablet ha anche un processore dedicato al suono, l'ESS ES9018K2M e due chip OPA1612 prodotti da Texas Instruments. A completare questa offerta molto interessante ci pensa la fotocamera posteriore Sony da 13 megapixel, con stabilizzazione ottica dell'immagine, e la lente frontale da 4 ultrapixel. Ad alimentare il tutto ci penserà la batteria da 3090 mAh, probabilmente l'unico punto debole di un dispositivo davvero molto interessante. Il tutto è completato da una scocca ultra sottile in alluminio e cornici poco ingombranti. Lo Xiaomi Note Pro arriverà nei negozi con 64 gigabyte di memoria interna, ad un costo di 3300 Yuan, l'equivalente di 532 Dollari.