Yahoo acquista l'app di un diciottenne: è nato un nuovo milionario

di
INFORMAZIONI SCHEDA

Da quando Apple ha aperto il proprio ecosistema alle app di terze parti, sono molte le persone e le software house ad aver investito nel settore delle applicazioni mobili e, conseguentemente, ad aver migliorato la propria esistenza. Nonostante spesso si dica che non è facile far soldi con lo sviluppo di app, di qualunque piattaforma si tratti, a volte capita di vedere giovani developer o startup emergenti guadagnare somme milionarie per un colpo di genio. E' il caso del diciottenne inglese Nick D'Aloisio, balzato agli onori della cronaca da poche ore a causa dell'acquisizione della sua applicazione/startup Summly da parte di Yahoo per 30 o 50 milioni di dollari (le cifre non sono state diramate ufficialmente). Fatto sta che il buon D'Aloisio, grazie alla sua inventiva, ha realizzato un progetto che lo ha fatto divenire milionario, oltre che dipendente di Yahoo per cui lavorerà standosene nelle sua bella Londra.

Ma cos'è Summly? Summly consente di visualizzare le notizie online, prelevandole da centinaia di siti diversi e realizzandone, attraverso complessi algoritmi, un riassunto di circa 400 caratteri. L'idea venne a D'Aloisio mentre si preparava per un esame di storia, facendo lunghe e dispersive ricerche sul web. "Capii che avevo bisogno di qualcosa che semplificasse e riassumesse queste ricerche", aveva raccontato alla Bbc nel 2011.In pratica è un aggregatore di notizie, forse migliore degli altri, tanto da essere riconosciuto come una delle migliori app del 2012 da Apple stessa. L'azienda di Tim Cook però, non è riuscita a battere Yahoo, che ha deciso di puntare molte risorse sul settore mobile, come conferma Adam Cahan, il vice presidente del mobile:"Nick rappresenta un cambio generazionale per come pensa e per come ritiene il mobile". La compagnia di Marissa Mayer considera il web prevalentemente in mobilità. Ecco perchè tablet e smartphone saranno alla base delle future mosse per la propria ripresa economica.
Yahoo acquista l'app di un diciottenne: è nato un nuovo milionario