Anteprima ASUS G11CD: PC da gaming Oculus Ready

Nel line-up di ASUSTeK figurano due PC marchiati Oculus Ready: uno di questi è il G11CD, una macchina pronta all'uso dedicata a chi vuole godere della realtà virtuale senza spendere un capitale.

anteprima ASUS G11CD: PC da gaming Oculus Ready
Articolo a cura di

Con l'apertura dei pre-order di Oculus Rift ed HTC Vive, la realtà virtuale è entrata nel vivo. A corredo dei visori c'è bisogno però di un computer di potenza adeguata, in grado di muovere tutti i pixel degli schermi di Vive o Rift. Entrambe le società hanno delineato i requisiti minimi per godere delle applicazioni VR senza troppe incertezze, in modo che gli utenti più esperti possano assemblare un computer ed essere certi che sia pronto per la virtual reality. I consumatori meno smaliziati possono invece acquistare un PC già pronto per l'utilizzo, andando a pescare fra quelli marchiati dal bollino "Oculus Ready". Oculus stessa ha infatti etichettato alcune macchine come pronte per gestire il proprio visore, e gli utenti che vogliono sin da subito divertirsi con la VR hanno la possibilità di acquistare questi prodotti. I partner di Oculus sono fra i più disparati, e fra i grandi nomi figura anche ASUSTeK. Nel suo line-up sono presenti due computer contraddistinti dal marchio di Oculus, ed uno di questi è il G11CD. ASUS G11CD è una macchina progettata per i casual gamer che non vogliono spendere cifre esorbitanti per fruire di buone prestazioni. L'hardware include infatti un processore Intel Core di sesta generazione ed una scheda grafica NVIDIA GTX, per sfruttare le ultime tecnologie disponibili sul mercato.

Design e funzionalità

Il cabinet del G11CD è ispirata allo stile Maya, come per gran parte della collezione di PC Asus. Il design resta comunque piuttosto futuristico, con numerosi LED sparsi un po' su tutte le facciate del case, tra cui qualcuno personalizzabile con otto milioni di colori. Sul frontale e sulla cover superiore ASUS ha disegnato dei pattern molto piacevoli alla vista, che donano personalità all'esterno del computer. Le tonalità con cui è dipinto il cabinet si rifanno allo schema nero e rosso, tipico della linea gaming dell'azienda taiwanese. Le dimensioni sono pari a 17,6 x 44 x 42,2 centimetri (larghezza x profondità x altezza) con un peso di quasi 10 chilogrammi. Lo chassis ingloba ben otto griglie per il passaggio dell'aria: di lato e davanti queste pescano aria fresca, mentre quelle sulla zona posteriore si occupano di espellere l'aria calda. Proprio sul lato sinistro sono presenti delle ventole extra da 5 millimetri che aiutano a tenere più freschi GPU e processore. A dispetto dell'abbondanza di ventole, ASUS G11CD produce solo 26dB quando è in idle: può essere quindi tenuto tranquillamente acceso di notte senza che disturbi il sonno di chi è in stanza.
Il computer ha parecchie opzioni per quanto riguarda la connettività, incluso un chip Bluetooth 4.0 e delle antenne compatibili con lo standard Wi-Fi ac. Sull'area frontale scorgiamo due porte USB 3.0, altrettante USB 2.0 (fra cui una con capacità di ricarica), lettore di schede e tasto di accensione. Sul retro, il computer offre altre porte USB 3.0 e 2.0, connettore RJ45, input VGA, HDMI e sei jack audio. Infine, ASUS G11CD mette a disposizione anche una porta USB 3.1, l'ultimo standard della nota interfaccia per lo scambio dei dati, per una velocità sino a 10 GB/s.
Le tre strisce LED customizzabili sono sul davanti, due ai lati del lettore Blu-ray ed una più in basso, piazzata in obliquo. I colori fra cui si può scegliere sono 8 milioni, per adattare in tutta comodità la luce emessa dal G11CD al resto del proprio setup - o al titolo che si sta giocando. All'illuminazione è possibile anche applicare qualche effetto come quello pulse, che accende e spegne molto lentamente le luci. Il software mediante cui i LED possono essere governati si chiama Aegis II. Il programma non ha solo tale scopo però, e consente per esempio di monitorare le performance del sistema al fine di migliorare l'esperienza in gioco. Aegis II rimane sempre in background ed avvisa l'utente se il processore o la scheda grafica è troppo calda. Boost Launcher libera invece le risorse di CPU e RAM per far sì che il videogioco che si vuole avviare giri fluido, senza impuntamenti dovuti ad attività non direttamente correlate al titolo. La suite software è inoltre dotata di una feature chiamata GameAlive, con cui si possono registrare in modo immediato video dei propri gameplay, editarli e condividerli sui principali social network. Infine, SonicMaster è un'utility che migliora la qualità audio generale, perché ASUS sa che l'immersione non è garantita dal solo flusso video. Si può scegliere fra cinque differenti profili a seconda di quello che si sta facendo, o spegnere SonicMaster del tutto. L'utility riconosce anche se si stanno utilizzando delle cuffie o degli altoparlanti, in modo che il suono venga elaborato in maniera ancora più appropriata a seconda della periferica dell'utente.

Componenti sotto la scocca

Il processore a bordo è un Intel Core i5 di sesta generazione, precisamente il modello i5-6400. Tale CPU permette di fruire senza problemi di qualsiasi titolo, ed ovviamente è anche capace di gestire video a risoluzione Ultra HD o modelli in 3D. Rispetto alla precedente generazione, Intel è riuscita ad ottenere un incremento prestazionale medio del 23% con una riduzione dei consumi pari al 22%. La scheda video è una NVIDIA GeForce GTX 970, una delle soluzioni più apprezzate dagli utenti e dall'elevato rapporto fra qualità e prezzo. Si tratta della GPU consigliata sia da Oculus che da HTC per la realtà virtuale e che, volendo, può supportare sino a tre display contemporaneamente tramite le altrettante DisplayPort sul retro. Un quarto monitor può essere connesso tramite la porta HDMI, magari per di navigare o per lo streaming su Twitch mentre si sta giocando. La memoria RAM a disposizione dell'utente è fissata ad 8GB con tecnologia DDR4, con un bandwidth di 2,1 GT/s. In più, le DDR4 richiedono solo 1,2V per essere alimentate, con un risparmio di circa il 20% se confrontate ai loro predecessori. Sul fronte storage c'è un comune hard disk meccanico con capienza sino ad 1TB. La scheda madre possiede un chipset Intel H110 e, oltre al PCIe x16 occupato dalla GTX 970, offre uno slot PCIe x1 ed un ulteriore mini PCIe.

ASUS G11CD ASUS G11CD è un computer di livello “base” per la realtà virtuale, con i requisiti diramati da Oculus che vengono sufficientemente soddisfatti. L’azienda non ha voluto strafare inserendo hardware troppo potente per non far lievitare il prezzo, in quanto il target di riferimento di questa macchina è ben delineato. Ovviamente, acquistando un G11CD si avrà a disposizione un computer da gioco di fascia medio-alta, al quale non deve obbligatoriamente essere associato ad un visore. Oculus Rift può essere però acquistato insieme al computer con uno sconto, ottenendo tutto ciò che serve per la VR sin dall’inizio. A fianco del G11CD, l’azienda asiatica regala 100GB di spazio su ASUS WebStorage per un anno, al fine di conservare dati sul cloud e non sull’HDD. Il prezzo per potarsi a casa il prodotto è pari a 1049 dollari.