Anteprima Bluboo X9: vetro 2.5D e CPU Octa Core

Bluboo porterà sul mercato ad inizio 2016 un nuovo terminale appartenente alla serie X, l’X9, che riprende i punti cardine dell’Xtouch, con display Full HD da 5" e SoC Mediatek MT6753.

anteprima Bluboo X9: vetro 2.5D e CPU Octa Core
Articolo a cura di

Bluboo è una azienda nata nel 2006 a Shenzhen, Cina. Si tratta di una realtà probabilmente sconosciuta ai più poiché opera principalmente in terra cinese, ma essa si è guadagnata una buona fetta di utenti, convincendo anche nelle prime recensioni occidentali. La società ha da poco lanciato uno dei suoi device di punta, l'Xtouch, ma oggi andiamo però ad analizzare le caratteristiche di un altro smartphone della serie X, cioè l'X9, che tanto riprende dall'Xtouch. Cercheremo di capire quali sono le differenze fra i due e che hardware dobbiamo aspettarci dall'annuncio del nuovo dispositivo.

Bluboo X9

Bluboo ha adottato delle linee decisamente al passo coi tempi per il suo X9, presentando un design moderno e che si appoggia sui canoni attuali. La cornice ai lati del dispositivo sarà disponibile sia nella versione argentata che in quella dorata. Questa è anche l'unica possibilità di personalizzazione offerta dall'azienda ma, seppur tonalità così ricercate non piacciono a tutti, il risultato finale è certamente di valore. X9 è lungo 71,5 mm, largo 14,5 mm e spesso solo 7,9 mm, con un peso di circa 166 grammi.
Sul frontale c'è lo schermo da 5 pollici, con tecnologia IPS che fornisce ottimi angoli di visione ed un colore più naturale. Una delle note positive dell'X9 è la risoluzione, visto che il pannello offre 1920x1080 pixel e un'ottima densità degli stessi. Lo standard oggi è appunto il Full HD, ma probabilmente scendendo di risoluzione si noterebbe poco la differenza su uno schermo con tale diagonale - almeno ad occhio nudo. Il display presenta tra l'altro una copertura in vetro curvo sui bordi, il classico vetro 2.5D tanto popolare su dispositivi cinesi più blasonati.
Le cornici superiori e inferiori prendono un po' di spazio sul frontale: la prima ospita la fotocamera da 5 megapixel con HDR e touch focus - oltre al sensore di prossimità, di luminosità e capsula per l'audio in chiamata - mentre la seconda vede la presenza di un tasto fisico con sensore biometrico per le impronte digitali. Siamo lieti che un dispositivo di questa tipologia porti il sensore sul davanti, ubicazione che riteniamo più naturale. Bilanciere del volume e tasto di sblocco sono sul lato destro. Sul retro scorgiamo invece la fotocamera principale, piazzata centralmente nella parte alta. Si tratta di un sensore da 13 megapixel con face detection, apertura f/2.2 e capacità di girare video a 1080p. Il flash a LED è poco più in basso.
Bluboo X9 arriva con un processore MediaTek MT6753 con architettura ARM a 64 bit ed 8 core. La frequenza massima è pari a 1,3GHz, clock che ritroviamo in svariati dispositivi MediaTek. La GPU è una ARM Mali-T720 e ci aspettiamo quindi buone prestazioni con i videogiochi. La RAM è pari a 3 GB di tipo LPDDR3, più che sufficiente per le moderne applicazioni. La memoria interna è da 16 GB, espandibile con una scheda microSD da massimo 32 GB. Il sistema operativo che muove il tutto è Android 5.1 Lollipop, versione che allo stato attuale è una delle più popolari.
Sul fronte connettività troviamo anzitutto il supporto alle reti 4G - che è un altro dei pro di questo terminale - oltre a Bluetooth 4.0, Wi-Fi e GPS. Il telefono offre anche il dual SIM simultaneo, con uno slot per SIM classica ed un secondo per Micro SIM. La batteria è da 2500 mAh e supporta la ricarica rapida tramite il caricatore a muro fornito in bundle. Presente anche il chip NFC.

Bluboo X9 Bluboo X9 è un terminale che costa davvero poco, visto che si trova a 150 dollari, cioè poco meno di 140 euro. Il prezzo è più che onesto, in quanto questo smartphone promette davvero tanto per la fascia di prezzo in cui si trova. Rispetto all’Xtouch cambia poco: le differenze sostanziali sono sullo storage e sulla fotocamera anteriore, quindi considerate quest’ultimo solo se vi interessa avere un miglioramento su tali caratteristiche. La ricercatezza del design dona un tocco di classe a questo dispositivo, così come la risoluzione Full HD, che dovrebbe assicurare - insieme alla tecnologia IPS - un ottimo punto di partenza per la fruizione di qualsiasi tipo di contenuto. Processore MT6753 e GPU Mali-T720 faranno senza alcun dubbio la loro parte nell’uso quotidiano, sia con le applicazioni più leggere che con i videogiochi. Infine, il supporto al 4G/LTE a tale prezzo è una feature che farà gola a molti. I preordini per questo dispositivo sono stati aperti da poco, con data di spedizione fissata per i primi giorni del 2016.