Anteprima EVGA Z170 Classified K: motherboard Skylake nata per l'overclock

EVGA ha mostrato al CES la sorella minore della Z170 Classified 4-Way, la Classified K, una scheda madre prettamente indirizzata ai giocatori e con buone potenzialità di overclocking.

anteprima EVGA Z170 Classified K: motherboard Skylake nata per l'overclock
Articolo a cura di
Daniele Vergara Daniele Vergara viene alla vita con un chip Intel 486 impiantato nel cervello, a mo' di coprocessore. E' più che entusiasta di tutto ciò che riguarda la tecnologia intera e i videogames, con un occhio di riguardo verso l'hardware PC e l'overclocking. D'inverno ama snowboardare, macinando km e km di piste. Lo trovate su Facebook, Twitter e Google+.

Uno degli ultimi prodotti presentati da EVGA è la scheda madre Classified K, basata su chipset Z170. Tale motherboard rappresenta sostanzialmente una variante più moderata della top di gamma Classified 4-Way. Rispetto a quest'ultima cambiano sostanzialmente il form factor - si passa da E-ATX ad un più ristretto ATX - gli slot PCIe x16 disponibili e la parte audio. EVGA ha affermato che Z170 Classified K è una board che si rivolge agli hardcore gamer, anche se essa non possiede le funzionalità di overclocking avanzato della sorella maggiore. Nonostante ciò le fasi di alimentazioni rimangono essenzialmente le stesse, sia in numero che per qualità. EVGA ha l'overclocking nel sangue e difficilmente lo avrebbe trascurato.

Performance e capacità di overclocking

Nella sostanza Classified K conserva il look nero e aggressivo della 4-Way, con una copertura in plastica che sovrasta il pannello I/O e dissipazione passiva sulle fasi di alimentazione. A primo acchito però notiamo la maggiore differenza estetica fra le due che, oltre alle dimensioni e al rivestimento sul chipset, riguarda la sezione audio: essa infatti esibisce delle piste in rosso, in netto contrasto con le tonalità scure del PCB e del resto della scheda madre.
A bordo troviamo la classica abbinata socket LGA 1151 più chipset Intel Z170, il meglio ad oggi disponibile per i processori Intel di sesta generazione. Proprio i pin dell'LGA 1151 contengono, a detta dell'azienda, una più grande quantità di oro, maggiore del 300% rispetto alla concorrenza; questo incrementa la conduttività elettrica e produce segnali migliori grazie alla minore resistenza. Le fasi di alimentazione sono ben otto e dovrebbero garantire un buon margine di overclocking, soprattutto considerando che esse sono dotate di componentistica Black Nickel e condensatori a stato solido. Essendo una piattaforma Skylake non poteva mancare la piena compatibilità con le memorie RAM DDR4. Segnaliamo che il prodotto ospita quattro slot ad hoc, capaci di gestire altrettanti banchi con frequenza fino a 3600MHz. Gli slot PCIe x16 a disposizione sono due e quindi si possono utilizzare più schede video in parallelo. Questa scheda madre è infatti certificata NVIDIA 2-way SLI, ma non dovrebbero esserci problemi qualora l'utente desideri effettuare un AMD CrossFire. Nella vicinanza dei due slot PCIe x16 ne troviamo altrettanti con interfaccia M.2, pronti ad ospitare gli SSD di nuova generazione. Offrono una velocità trasferimento dati fino a 32 GB/s. Chicca della Z170 Classified K è uno switch Dual BIOS: questo consente di ottenere una garanzia in più in caso di aggiornamento del BIOS/UEFI andato male. La scheda madre arriva infatti con due BIOS già caricati in memoria, tra i quali si può passare azionando un piccolo switch saldato sul PCB. Se durante l'overclocking il sistema non si avvia, basta azionarlo e tutto tornerà alla normalità. Difficile vedere tale funzionalità in questa fascia di prezzo, ed EVGA l'ha resa disponibile per la gioia degli overclocker. All'occorrenza il chip di memoria che contiene il BIOS può essere anche sostituito. Altre comodità riguardano un pulsante on board per l'accensione della scheda madre fuori dal case, un altro per il reset ed un ultimo per resettare le impostazioni del BIOS selezionato.

Networking e connettività

A differenza della Classified 4-Way, Classified K abbandona il processore Creative Core3D in favore di un chip Realtek HD Audio ad 8 canali. Probabilmente si tratta del codec ALC1150, comune a molte schede madri. Il networking è gestito da un controller Killer Ethernet E2400 che dà priorità ai pacchetti critici per ridurre il lag, come quelli relativi allo streaming o al gaming online. Un'altra porta ethernet è invece pilotata da un più comune chip Intel I219-V. Sul fronte connettività troviamo ben 10 porte SATA a 6 Gbps e due ingressi SATA Express. Utilizzare entrambi i SATA Express però invalida quattro SATA 3, poiché le linee PCIe a disposizione non sono sufficienti a coprire tutte le porte contemporaneamente. Sul PCB ci sono due header per le USB 3.0 frontali del case dell'utente, mentre il pannello I/O retrostante ospita due USB 2.0, sei USB 3.0, due USB 3.1, due porte ethernet (la prima gestita dal Killer Ethernet e la seconda dall'Intel), ingresso HDMI 1.4, DisplayPort 1.2 e diversi jack audio, incluso quello ottico. L'azienda ha inoltre piazzato sulla Classified K un display che, oltre al corretto funzionamento della piattaforma, può mostrare anche la temperatura del processore.

EVGA EVGA ha completato con la Classified K il proprio line-up di schede madri della famiglia Z170. Fra il modello più minimale FTW e l’high-end Classified 4-Way era effettivamente presente una grossa differenza di prezzo, giustificata dal divario in termini di prestazioni in overclocking e caratteristiche aggiuntive. Lo scarto fra la Classified K e la 4-Way è meno marcato rispetto al confronto precedente, e la prima è in grado di competere quasi ad armi pari con la sorella maggiore, in termini di performance. Il chip PLX integrato nella top di gamma è il motivo che spingerebbe i più appassionati a sborsare di più, ma è anche il principale artefice del suo costo elevato. Chi non utilizza una configurazione oltre il 2-way SLI può tranquillamente farne a meno e risparmiare un bel po’. La Classified K sembra una buona scheda madre, dotata di numerose caratteristiche interessanti e fasi di alimentazioni curate, come da tradizione EVGA. Il Dual BIOS è l’extra che permette a questo prodotto di distinguersi dalle altre soluzioni sul mercato, poiché è una delle pochissime motherboard che offre questa funzionalità in tale fascia di prezzo. E’ probabile che chi non overclocca non la troverà utile, ma se non si ha intenzione di alzare le frequenze operative probabilmente è meglio guardare oltre; se si desidera rimanere in casa EVGA conviene orientarsi su una meno gravosa FTW, per esempio. Anche perché la Z170 Classified K non è proprio economica, con un prezzo fissato a 289,99 dollari sul sito dell’azienda.