Anteprima HTC M10: presunte specifiche e data di presentazione

Il prossimo top di gamma di HTC potrebbe essere svelato a breve, nel frattempo buona parte delle specifiche tecniche sono già trapelate, mostrando un device con ben pochi punti deboli.

anteprima HTC M10: presunte specifiche e data di presentazione
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Il prossimo flagship di HTC sarà il terzo smartphone di fascia alta presentato dall'inizio dell'anno, dopo Samasung Galaxy S7 e LG G5. Se LG ha cercato di rompere gli schemi proponendo un design modulare, caratteristica interessante ma da verificare in quanto a capacità di presa nel grande pubblico, Samsung ha puntato su due dispositivi più standard ma dotati del miglior hardware in circolazione. Strada presa anche da HTC per il suo top di gamma, che sarà presentato nelle prossime settimane. Le informazioni emerse fino a questo momento sono già tantissime e preannunciano un device che, pur non apportando innovazioni che spiccano dalla massa, riescono a portare l'M10, o il One M10 a seconda del nome, al livello della concorrenza. Anche il design è stato rivisto, senza rivoluzioni, ma con alcuni dettagli in grado di modificare le linee viste fino a questo momento.

Caratteristiche tecniche

Evan Blass, il noto evleaks, afferma che HTC M10 sarà presentato il prossimo 19 marzo. L'incertezza sul nome commerciale del prodotto rimane, con la casa di Taiwan che potrebbe puntare sul più semplice "HTC M10", ma le specifiche tecniche sono oramai quasi certe e disegnano un terminale che non ha nulla da invidiare ai concorrenti. Il SoC scelto è uno Snapdragon 820, lo stesso degli altri top di gamma 2016, un Quad Core Kyro realizzato a 14 nm, con GPU Adreno 530. Per quanto riguarda lo schermo, l'unica cosa davvero certa riguarda la risoluzione del pannello, di 2560x1440 pixel; le dimensioni dovrebbero essere di poco superiori ai 5", ma la risoluzione maggiore del pannello potrebbe indicare una diagonale superiore al passato per il nuovo M10, anche se è tutto da verificare, come l'utilizzo o meno della tecnologia AMOLED. A bordo troviamo anche 4 GB di RAM e 32/64 o 128 GB di memoria interna. Tra le caratteristiche di spicco anche una fotocamera da 12 Megapixel marchiata Sony, una IMX377 con auto focus laser e pixel da 1.55µm, mentre la cam frontale dovrebbe essere da 5 Megapixel, realizzata però da Samsung e con tecnologia UltraPixel. Oltre al parco sensori comunemente installato su tutti i device, su M10 troviamo il lettore di impronte digitali e il sensore IR: il primo è divenuto ormai uno standard sui nuovi terminali Android, il secondo invece meno, ma può sempre essere utile.

Come il rivale Samsung Galaxy S7, anche l'M10 sarà certificato IP68, e potrà quindi essere immerso nell'acqua senza problemi, resistendo anche alla polvere. Il telefono userà una porta USB Type-C, e grazie alla tecnologia Quick Charge 3 della CPU Snapdragon 820 la ricarica dovrebbe essere molto veloce. Passando al design, le differenze con i modelli precedenti sono marcate a un primo sguardo, ma in realtà le linee riprendono molto da M9 e dagli ultimi terminali della casa di Taiwan, pur presentando una backcover smussata ai lati, che donerà un maggiore grip e in generale un aspetto più moderno al terminale.

HTC 10 HTC accetta la sfida lanciata da Samsung e da LG e rilancia con il nuovo M10, un terminale che non ha nulla da invidiare ai cugini coreani. In realtà, le specifiche ricalcano quelle viste anche in altri smartphone, come lo Xiaomi Mi 5 o l'LeTV Le Max Pro, che saranno disponibili ufficialmente solo in Cina, segnando un inizio 2016 interessante ma comunque abbastanza piatto in quanto a reali innovazioni nel campo della telefonia. Il problema, quando le caratteristiche tecniche si somigliano tanto, è che a diventare determinanti diventano valori meno tangibili, come la fedeltà al marchio o semplicemente un maggior appeal nel pubblico, fattori in cui Samsung, ma anche LG, sono superiori all'azienda di Taiwan. Vedremo come andrà a finire, ma di certo quest'anno non sarà facile trovare un top di gamma che spicchi davvero dalla massa, grazie alle sue caratteristiche uniche.